Primi segnali di ripresa a Vibo: a settembre riapre lo storico Ascot

Il noto locale, un tempo simbolo della movida, riaprirà presto i battenti. Le opere del pittore Enzo Liguori abbelliranno l'interno del pub
Il noto locale, un tempo simbolo della movida, riaprirà presto i battenti. Le opere del pittore Enzo Liguori abbelliranno l'interno del pub
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Per un decennio rappresentò un punto di riferimento per la movida in città. Pub, birreria e pizzeria, l’Ascot rimase nel cuore di tanti che, ancora oggi, ricordano con entusiasmo gli anni d’oro dello storico locale. Ma non solo divertimento. La struttura dava lavoro a diversi giovani, anche studenti universitari. Diviso in più sale, il locale era frequentatissimo da ragazzi provenienti anche dai paesini della provincia. Poi il declino, inesorabile, e la chiusura. Un vuoto incolmabile, nel cuore di Vibo Valentia. [Continua]

Informazione pubblicitaria

La riapertura del locale

Una delle opere del maestro Liguori

Oggi, la notizia della riapertura, in programma a settembre, dà nuove speranze. E in questi mesi di inteso lavoro per la rimessa a nuovo degli spazi, un ruolo di primo piano viene riservato alla cultura. Una galleria d’arte permanete farà da cornice alle sale.  Il maestro Enzo Liguori, originario di Francica, infatti, da settimane si sta occupando dei dipinti che andranno a impreziosire la storica location. Una riapertura, quella resa possibile grazie all’impegno del nuovo titolare, Costanza Chindamo, percepita di buon auspicio per la ripresa economica delle attività nel cuore storico di Vibo. Il tutto, in una fase molto fragile, per la città.

Le opere di Liguori

Uno dei dipinti di Liguori

Liguori, noto per il suo amore verso i suggestivi scorci panoramici della Calabria, sta predisponendo opere che esaltano le bellezze naturali dei campi e delle coste: «Dalle distese di papaveri, alla ginestra. E poi l’imponenza dei nostri ulivi secolari e i tramonti sul mare. Cerco di trasferire nei miei dipinti i panorami che più identificano e valorizzano la nostra terra», fa presente. Una vera e propria galleria d’arte – composta da sette quadri – per accompagnare anche i più leggeri momenti di convivialità.