giovedì,Giugno 17 2021

Collegamenti Vibo Marina-Eolie, bilancio positivo anche per le motonavi

Segno “+”, nonostante le difficoltà legate alla pandemia, per le compagnie private che assicurano viaggi giornalieri verso l’arcipelago. Per il porto un punto di forza che alimenta un discreto indotto

Collegamenti Vibo Marina-Eolie, bilancio positivo anche per le motonavi

C’è chi, nell’effettuare un viaggio, anche via mare, mette al primo posto la velocità del mezzo utilizzato, attribuendo importanza prioritaria ai tempi di percorrenza. Una rotta, quella per Stromboli, coperta in un’ora e 25 minuti di aliscafo ma che ha, come contraltare, la sensazione di viaggiare in pullman, niente spazi all’aperto, nessun contatto con il sole e l’aria aperta, distanze ravvicinate con gli altri passeggeri. E c’è, al contrario, chi preferisce impiegare più del doppio di questo tempo ma stare seduto sul ponte a respirare l’aria salmastra, ad ammirare l’immensità del mare, gli orizzonti lontani, i tramonti, i gabbiani e, se si è particolarmente fortunati, a fare un inusuale incontro con i delfini.

Quello offerto dalle motonavi è, inoltre, un servizio assicurato tutti i giorni della settimana, da aprile ad ottobre, con moderne imbarcazioni che offrono agli utenti non solo il tragitto di sola andata ma anche la possibilità di scegliere escursioni e minicrociere. Un punto di forza dei collegamenti marittimi con le Isole Eolie, la cui offerta viene da alcuni anni rafforzata con il servizio espletato per mezzo dei veloci aliscafi che effettuano le loro corse solo in alcuni giorni della settimana ma che hanno fatto registrare una movimentazione di passeggeri quadruplicata nel corso della stagioneche sta per finire.

Il servizio con motonave per le Eolie viene espletato, a Vibo Marina, da società che fanno capo, in qualche caso, a famiglie che assicurano il collegamento con le Sette sorelle da oltre trent’anni, tra difficoltà di ogni genere, che vanno dalla mancanza di sovvenzioni statali o regionali agli elevati costi legati all’acquisto delle imbarcazioni e alle onerose manutenzioni delle stesse.

«Gli aliscafi – sottolinea Daniele, socio di una delle due compagnie private di navigazione presenti nel porto di Vibo Marina -, sono sovvenzionate con interventi della Regione Sicilia, che garantisce alla società che espleta il collegamento l’erogazione di un contributo di 10mila euro con la formula “vuoto per pieno”, vale a dire che il contributo viene garantito in ogni caso, oltre agli incassi dei biglietti venduti. Quest’anno siamo stati costretti ad aumentare il prezzo della corsa, in conseguenza dell’emergenza legata alla pandemia che ha determinato una drastica riduzione del numero dei passeggeri. Nonostante la fase delicata, il bilancio è stato superiore alle previsioni, ci aspettavamo di peggio. Certo non abbiamo raggiunto i numeri degli anni precedenti, quando si operava tranquillamente da aprile ad ottobre, ma nonostante tutto siamo riusciti a lavorare circa un mese a pieno regime e assicuriamo il servizio anche nella fase di bassa stagione».

Un ventaglio di offerte, quello presente nello scalo vibonese, completo e diversificato, che attribuisce al porto, in ambito regionale, una posizione preminente nel settore dei collegamenti con le Eolie, ma che lo identifica anche non come una località a vocazione turistica, bensì come un mero punto di transito per altre mete. Non è un caso se la Regione Sicilia ha deciso di intervenire finanziariamente in maniera così robusta per incentivare gli arrivi nelle isole, favorendo in tal modo l’aumento delle presenze di tipo stanziale. Tuttavia bisogna evidenziare come anche il settore dei servizi costituisca una voce importante nell’economia di un territorio in quanto, oltre agli addetti impegnati in maniera diretta, alimenta anche un diffuso indotto che in futuro potrebbe aumentare grazie ad una maggiore attenzione delle istituzioni locali e agli enti di governance della struttura portuale.

Boom dei viaggi verso le Eolie, quadruplicate le partenze da Vibo Marina – Video

top