La nuova casa delle professioni tecniche, inaugurata a Vibo la sede degli Ordini di architetti e ingegneri (VIDEO)

Partecipata cerimonia per il taglio del nastro degli uffici che ospiteranno le organizzazioni di categoria dei professionisti vibonesi. Avviso alla politica: «Non lavoriamo gratis»

Partecipata cerimonia per il taglio del nastro degli uffici che ospiteranno le organizzazioni di categoria dei professionisti vibonesi. Avviso alla politica: «Non lavoriamo gratis»

Informazione pubblicitaria
Il tavolo dei relatori
Informazione pubblicitaria

Saluti e scambi di battute, poi il taglio del nastro che segna l’inizio della cerimonia d’inaugurazione della nuova sede degli Ordini degli architetti e degli ingegneri della provincia di Vibo Valentia. Un appuntamento importante, impreziosito dall’esposizione della mostra “Il codice delle Meraviglie” raffigurante il “Codice Romano Carratelli”.

Informazione pubblicitaria

La “nuova casa delle professioni tecniche” è stata tenuta a battesimo da Nicola Donato, presidente dell’Ordine provinciale degli architetti di Vibo Valentia; da Salvatore Artusa, presidente della corrispettiva organizzazione degli Ingegneri; dai loro predecessori Fabio Foti e Romano Mazza; da diverse autorità politiche e istituzionali del territorio; da Giuseppe Capocchin, presidente Consiglio nazionale Architetti, e da Armando Zambrano, presidente del Consiglio nazionale ingegneri.

«L’inaugurazione di una nuova sede – ha detto proprio quest’ultimo – è sempre il momento in cui si nota l’importanza e la presenza degli ordini professionali sul territorio. Il tempo in cui gli iscritti ritrovano una casa comune».

«Oggi – ha affermato dal canto suo Capocchin -, continua un percorso che oltre mille, tra architetti e ingegneri, vivranno insieme per concertare azioni finalizzate allo sviluppo del territorio e per rivolgersi alla politica in maniera unitaria. Solo così saremo ascoltati. Non è poi pensabile che i professionisti lavorino gratis. Oggi parte da qui un messaggio forte e chiaro», ha concluso.

Lo scopo dichiarato è quello di arginare la precarizzazione del lavoro ed impedire, per il futuro, che nelle pubbliche amministrazioni vengano banditi appalti che prevedano “zero remunerazione” per le prestazioni libero-professionali e autonome, come avvenuto nella vicenda del Psc della città di Catanzaro.

Il depauperamento del “capitale umano”, sostengono i rappresentanti delle professioni tecniche, è molto accentuato e ha prodotto una perdita di oltre 200mila giovani professionisti negli ultimi 15 anni secondo i dati Svimez illustrati alla Camera dei Deputati nell’ultimo Rapporto annuale sull’economia del Mezzogiorno.