Piccola pesca, arriva il bonus da 950 euro

L’indennità destinata ai pescatori autonomi ed ai soci delle cooperative. Boccata d’ossigeno anche per il Vibonese
L’indennità destinata ai pescatori autonomi ed ai soci delle cooperative. Boccata d’ossigeno anche per il Vibonese
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

La pesca, uno dei comparti strategici per un possibile rilancio economico del territorio vibonese, ha finora rappresentato uno dei settori esclusi da ogni genere di sostegno statale o regionale. Nei difficili mesi della pandemia è stato uno di quei settori maggiormente colpiti dalla crisi dovuta agli effetti  negativi del Covid-19 sull’economia e si prevede che anche i prossimi mesi saranno molto complicati a causa del calo delle vendite verso la filiera dell’industria alberghiera e l’indotto del turismo.

Informazione pubblicitaria

Arriva ora una boccata d’ossigeno, grazie al bonus di 950 euro previsto per il mese di maggio 2020. Sarà, infatti, possibile, attraverso il sito dell’Inps, presentare domanda di accesso a tale indennità da parte dei pescatori autonomi e dei soci delle cooperative, ovvero la categoria di piccoli pescatori che normalmente svolgono la loro attività servendosi di piccole imbarcazioni e sono intestatari di una partita Iva. Una categoria che non gode delle agevolazioni delle grandi aziende di pesca dotate di grandi pescherecci, ma che viene vista con favore dagli organismi europei che considerano questo tipo di pesca meno impattante dal punto di vista ambientale.

Piccola pesca che era stata sempre esclusa da ogni forma di finanziamento pubblico, ma che costituisce una fonte di reddito per parecchie famiglie. Nei mesi della fase acuta della pandemia,  la pesca ha molto sofferto per la mancanza di richiesta dei prodotti ittici, essendo il settore della ristorazione rimasto chiuso, ma mentre i dipendenti avevano potuto accedere ai benefici della cassa integrazione in deroga, la categoria dei piccoli pescatori autonomi era l’unica rimasta fuori dagli ammortizzatori sociali.

Per ottenere il bonus è necessario inviare domanda all’Inps esclusivamente in via telematica usufruendo dei canali messi a disposizione nel sito dell’ente di previdenza per cittadini e patronati. L’indennità non concorre alla formazione del reddito del lavoratore. In alternativa al portale web, l’indennità Covid-19 per i pescatori può essere richiesta telefonando al numero verde 803164 da rete fissa (gratuitamente) oppure al numero o6 164164 da rete mobile (a pagamento).