venerdì,Luglio 30 2021

Migranti e agricoltura sociale, a Vallelonga si fa integrazione partendo dalla terra

Consegnati gli “attestati di frequenza” a quanti hanno preso parte al primo corso teorico-pratico sull’agricoltura biologica ospitato dall’azienda agricola “La Cona” con la collaborazione dell’Arsac di Serra San Bruno

Migranti e agricoltura sociale, a Vallelonga si fa integrazione partendo dalla terra

È avvenuta sabato scorso nell’azienda agricola “La Cona”, guidata da Maria Caterina Vetrò, a Vallelonga, la consegna degli “attestati di frequenza” ai giovani migranti che hanno partecipato al primo corso teorico-pratico incentrato sull’agricoltura biologica, svoltosi a partire dallo scorso mese di maggio, nell’ambito del progetto di “agricoltura sociale” ideato dalla stessa titolare dell’azienda, con la collaborazione tecnica del personale del Centro Arsac di Serra San Bruno. 

Il percorso formativo, elaborato dai tecnici dell’Arsac, si è  articolato nella trattazione di argomenti quali la sicurezza sul lavoro ed i dispositivi di protezione in agricoltura; cenni di ecologia; mozioni di agronomia, l’agricoltura nelle sue diverse forme; principi e tecniche di agricoltura biologica; tecniche di coltivazione di alcune specie agrarie; esercitazioni in campo. 

Il complesso delle attività didattiche è stato supportato dalla “mediazione linguistico-culturale” della stessa Vetrò, di uno dei giovani migranti e da una giovane laureanda in Scienze dell’educazione sociale, Stefania Daniele. «Nella filosofia del progetto generale – fanno sapere i promotori -, il corso dovrebbe essere un importante momento di integrazione con la realtà locale e la certificazione fornita dovrebbe rappresentare un utile strumento per quei giovani che  vorranno entrare nel mondo del lavoro agricolo del nostro Paese». 

A breve, nella stessa azienda, verrà avviato un altro corso destinato ad un secondo gruppo di giovani, ospitati presso il Centro di accoglienza in località “Lacina” di Brognaturo; mentre è in svolgimento un  corso analogo rivolto a giovani minorenni (ospitati presso un’altra struttura ricettiva di Vallelonga), sempre curato dal Centro Arsac di Serra San Bruno.

LEGGI ANCHE:

Vallelonga, l’azienda “La Cona” apre all’agricoltura sociale per i migranti

Alla fattoria “Junceum” di Vibo l’agricoltura sociale crea l’integrazione

 

 

top