mercoledì,Aprile 21 2021

Esami avvocato rimandati, sit-in di protesta dei praticanti pure a Vibo

L’iniziativa si svolgerà martedì anche a Roma, Napoli, Milano, Bologna, Torino e Palermo

Esami avvocato rimandati, sit-in di protesta dei praticanti pure a Vibo

Si terrà martedì 15 dicembre, dalle ore 10.30 fino alle 11.30, nei pressi del Tribunale di corso Umberto, il sit-in di protesta contro la disparità di trattamento e l’incertezza riservata ai praticanti avvocati organizzato dal Comitato per la tutela dei Praticanti Avvocati di Vibo Valentia. L’iniziativa si svolgerà contemporaneamente anche in altre città italiane come Roma, Napoli, Milano, Bologna, Torino e Palermo su input di una serie di associazioni e comitati rappresentativi dei tirocinanti forensi.
In una nota stampa congiunta, l’Aipavv – Associazione Italiana Praticanti Avvocati, il Co.gi.ta – Coordinamento giovani giuristi italiani, il Comitato per l’esame d’avvocato, Link – Coordinamento Universitario, Apra Palermo e Copavv – Comitato per la tutela dei Praticanti Avvocati di Vibo Valentia dichiarano: “Martedì 15 dicembre 2020 avremmo dovuto sederci all’esame. Avremmo dovuto iniziare a costruire il nostro futuro professionale. Quel futuro non ci sarà e non sappiamo per quanto ancora. No all’alternativa tra lavoro e salute. Lavoro e salute non sono in contrasto. Neppure oggi.

La pandemia, infatti, non ha impedito l’abilitazione dei giovani professionisti, tranne quella dei praticanti avvocati. Mentre gli altri ministri del Governo, alla luce dell’emergenza sanitaria, riorganizzavano le modalità d’esame, anche per professioni i cui scritti sono altrettanto importanti, il ministro Bonafede ha ritenuto le prove scritte un dogma intoccabile per i praticanti avvocati, attuando una sicura e plateale discriminazione. Perché? Semplice: il ministro ha preferito assumere una linea compiacente verso quella cerchia più ristretta e corporativa dell’avvocatura la quale, lontana dagli effetti dell’emergenza che sta invece falcidiando la maggior parte dei liberi professionisti, teme però la concorrenza dei colleghi più giovani.[Continua dopo la pubblicità]

Questo trattamento di sfavore in continuità con altre miopi decisioni che stanno compromettendo il percorso professionale di migliaia di laureati, ha reso l’esame di abilitazione un terno al lotto: non si diventa avvocati se non si nasce nell’anno “giusto”! A farne le spese sono tutti i cittadini. La tutela dei loro diritti, infatti, è un interesse di primaria importanza e, come tale, dev’essere affidata a professionisti selezionati su base meritocratica e non generazionale. Condanniamo l’idea del ministro per cui un trentenne debba continuare a vivere a debito. Vogliamo lavorare! Non c’è alcun futuro per il nostro Paese senza il lavoro delle giovani generazioni. Ministro, il suo Governo non avrebbe mai dovuto contrapporre la salute al lavoro. Non avrebbe mai dovuto relegarci all’emarginazione professionale. Non avrebbe MAI dovuto costringerci a combattere per un reddito, scendendo in piazza, in un momento così delicato. Oggi è giunto il momento di smetterla con i ritardi e i rinvii: occorre dare risposte. Non vogliamo date, vogliamo certezze.  La semplice previsione di nuove date non offre alcuna valida garanzia di tempestività nello svolgimento dell’esame di abilitazione. Non permette neppure di sapere se la sessione 2020 potrà mai tenersi. Finora il ministro Bonafede ha giocato d’azzardo col futuro professionale degli avvocati di domani, scommettendo sul fatto che la pandemia sarebbe passata. E ha inequivocabilmente perso la scommessa. Davvero si vogliono lasciare soli i praticanti a raccogliere i cocci delle proprie vite sospese? Siamo stanchi di affidarci alla sorte! È giunto il momento che il ministro Bonafede adotti per i praticanti avvocati modalità d’esame che garantiscano la conclusione della sessione d’esame 2020 prima di quella prevista per il 2021”.

LEGGI ANCHE: Esami avvocato saltati, continua la battaglia del comitato dei praticanti di Vibo

Praticanti legali, la mozione della vibonese Bentivoglio si trasforma in disegno di legge

top