Premio di produzione da mille euro per i lavoratori della Tonno Callipo

La Fai Cisl esprime soddisfazione per il riconoscimento ai dipendenti e per il nuovo accordo sulla produttività siglato con l’azienda agroalimentare
La Fai Cisl esprime soddisfazione per il riconoscimento ai dipendenti e per il nuovo accordo sulla produttività siglato con l’azienda agroalimentare
Informazione pubblicitaria
La produzione della Giacinto Callipo conserve alimentari (repertorio)

È stato siglato nella sede della Giacinto Callipo Conserve Alimentari, a Maierato, il nuovo accordo sulla produttività. A renderlo noto è la Fai Cisl, che esprime soddisfazione e considera l’erogazione del premio per l’anno 2020, grazie al raggiungimento degli obiettivi prefissati, e la firma del nuovo accordo per il 2021, «risultati importanti che premiano l’impegno, la partecipazione e lo spirito di appartenenza dei lavoratori».

«Questo accordo – spiega infatti Daniele Gualtieri, segretario generale della Fai Cisl Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia – conferma il consolidamento di relazioni sindacali partecipative e responsabili, che hanno portato a tanti altri risultati, come lo stanziamento nel 2019 di un milione di euro destinato al welfare aziendale, che ha consentito l’erogazione di prestiti agevolati ai dipendenti, e la stabilizzazione di 38 lavoratori; grazie di cuore a tutti i lavoratori e alle Rsu per il loro prezioso contributo, nonché al management aziendale, sempre contrassegnato dal rispetto dei ruoli, per la condivisione di obiettivi di crescita sempre più ambiziosi».

Malgrado la crisi economica, la Callipo ha ottenuto risultati lusinghieri, con un fatturato di quasi 67 milioni e mezzo di euro, in aumento del 7,6% rispetto al 2019, e per il sesto anno consecutivo viene conferito a tutti i lavoratori un premio di produzione di mille euro per il 2020, che grazie al nuovo accordo, sarà erogato anche a marzo 2022, con 800 euro legate all’andamento del fatturato e altre 200 al Mol, margine operativo lordo.

«Abbiamo vissuto un anno di incertezze e difficoltà senza precedenti – ha commentato Pippo Callipo, amministratore unico della Giacinto Callipo Conserve alimentari ma nonostante tutto siamo andati avanti con perseveranza e con grande spirito di sacrificio. I nostri collaboratori hanno mostrato coraggio e determinazione nel garantire il lavoro quotidiano, assicurando in tal modo gli approvvigionamenti alimentari alle famiglie in Italia e all’estero. I risultati positivi conseguiti quest’anno assumono, pertanto, un significato molto speciale. Per questo, con orgoglio, vogliamo confermare la scelta di erogare il premio di produzione come ringraziamento concreto per tutti i collaboratori della “grande Famiglia Callipo”. Ci lasciamo alle spalle il 2020 condividendo un momento di positività e di fiducia verso il futuro».

«Finalmente un po’ di luce in un periodo buio, che qui in Calabria si avverte in maniera più forte», dichiara il segretario generale della Fai Cisl Calabria, Michele Sapia, che aggiunge: «Un risultato importante che fa emergere il valore del confronto tra il sindacato della proposta e una storica azienda come la Callipo, che investe da anni nelle relazioni industriali e nella qualità del lavoro. L’accordo è stato seguito in maniera certosina dalla Fai Cisl territoriale e vede attori indiscussi tutte le lavoratrici e i lavoratori, che ogni giorno si spendono con professionalità per garantire prodotti di qualità e importanti risultati aziendali».

Un commento positivo sull’accordo giunge anche dal segretario generale della Fai Cisl nazionale, Onofrio Rota: «Possiamo ribadire con certezza che più le imprese investono con costanza nel confronto, e più ottengono nuovi positivi traguardi in termini di crescita, qualità del lavoro e delle produzioni. Questo risultato sia da monito per le tante altre realtà del comparto alimentare della Calabria e di tutto il Mezzogiorno, che con la contrattazione di secondo livello possono investire davvero sul dialogo, valorizzando il territorio e il capitale umano, per affermare un sistema economico più solidale e dignitoso».