La vibonese Angelica Macrì si diploma pasticcera professionista a Parma

Ventenne di Nicotera, è tra i 34 neo diplomati della scuola internazionale di cucina fondata da Gualtiero Marchesi

Ventenne di Nicotera, è tra i 34 neo diplomati della scuola internazionale di cucina fondata da Gualtiero Marchesi

Informazione pubblicitaria
Angelica Macrì con il diploma
Informazione pubblicitaria

Sono 34, di cui 27 ragazze, i neo-professionisti di pasticceria diplomati dalla Scuola Internazionale di Cucina Italiana (Alma) di Cologno (Parma), al termine di un percorso di studio della durata di sette mesi.

Informazione pubblicitaria

Tra loro c’è una ventenne vibonese, Angelica Macrì, di Nicotera. Ora per i ragazzi, che hanno frequentato la XXVII edizione del Corso superiore di pasticceria, è il momento di affrontare il mondo del lavoro, ritagliandosi uno spazio in un settore che Confartigianato e Osservatorio Sigep fotografano come vitale: in Italia le imprese artigiane specializzate nella pasticceria sono 43.063 e gli addetti al settore sono oltre 155.000 (dati dicembre 2017). 

Come afferma il direttore generale di Alma Andrea Sinigaglia: «In termini di tradizione e di identità culturale, la pasticceria italiana rappresenta un patrimonio unico: la nostra mission è quella di difenderlo e valorizzarlo, puntando al contempo a formare i professionisti del futuro».

Miglior studente della XXVII edizione del Corso superiore di pasticceria è risultato il bellunese Federico Dalle Mule. Unica è anche l’opportunità di essere valutati, in sede d’esame, da grandi maestri pasticceri, che “certificano” ulteriormente la qualità della didattica espressa da Alma: nel caso della XXVII edizione del Corso superiore di pasticceria, la commissione giudicante, coordinata da chef Matteo Berti, direttore didattico di Alma, era composta, tra gli altri, da Alessandro Battistini, Pasticceria “Battistini” di Parma; Nicola Dobnik, della torinese “Farmacia del Cambio”; Davide Gnocchi, Pasticceria “La Casa del Dolce” di Verbania; Diego Poli, Ristorante “Filippo Mud” di Pietrasanta (Lucca); Paola Ziliani, Pasticceria “Nuova Pasticceria Lady”, di San Secondo Parmense (Parma); Andrea Zino, Pasticceria “Canepa 1862”, di Rapallo (Genova); Stefano Zizzola, Pasticceria “Zizzola”, di Noale (Venezia). 

Presenti in giuria anche i docenti Alma di pasticceria Ivan Macchi, Walter Masut ed Enrico Nativi. Una menzione merita anche la cuneese Denise Giampà, di Bra, 29 anni: il suo progetto di tesi è stato giudicato il migliore del Corso.