lunedì,Febbraio 6 2023

Pizzo, domenica la giornata dedicata alla raccolta alimentare

L'associazione "Ali di fata", che opera sul territorio da dieci anni, accoglierà le donazioni destinate alle famiglie in difficoltà all'interno della propria sede

Pizzo, domenica la giornata dedicata alla raccolta alimentare

Domenica 4 dicembre, dalle ore 9 alle ore 17, nella sede operativa dell’associazione “Ali di fata” sita in via Martiri d’Ungheria, ex palazzo Giudice di Pace, a Pizzo si svolgerà la “Raccolta Alimentare”, una giornata dedicata all’aiuto per i meno fortunati, attraverso la raccolta di beni di prima necessità: alimenti di facile conservazione e stoccaggio (pasta, olio, tonno, pelati, legumi), prodotti per l’infanzia (pannolini, omogeneizzati, pappe) e per l’igiene della persona. Quanto raccolto sarà destinato a famiglie in difficoltà. “Vogliamo incentivare fortemente questa nostra attività, – ha comunicato l’associazione – dal motto che già ci accompagna da anni: “Fai la spesa per chi è meno fortunato”. Il distinguo tra la nostra azione e quelle delle altre associazioni sta nel voler accogliere le donazioni presso la nostra sede, cercando donazioni spontanee, senza creare situazioni di imbarazzo per alcuni, che, trovandoci alle casse di supermercati o altrove si sentirebbero in dovere, e magari non avendo possibilità economiche potrebbe essere una situazione di disagio”. [Continua in basso]

La presidente dell’associazione, Eva Bono, ha spiegato: “Riteniamo indispensabile restare nella nostra sede ad accogliere le donazioni liberali. Da principio del nostro sodalizio, più di 10 anni, abbiamo intrapreso questa attività con questo modus operandi”. Rivolgendosi agli associati e ai cittadini tutti, la Bono ha aggiunto: “Sono veramente contenta e soddisfatta che i pizzitani e non solo, rispondono sempre positivamente ai nostri inviti, a partecipare alle attività e aiutandoci a far fronte alle richieste di aiuto e sostegno che arrivano all’associazione, richieste ormai quotidiane. Purtroppo, in quest’ultimi anni, tra Covid prima e la Guerra in Ucraina oggi, le richieste di sostegno sono crescenti. La crisi economica che stiamo affrontando ha portato più famiglie ad avere difficoltà e allo stesso tempo abbiamo visto una crescente difficoltà anche nel donare a noi. Crediamo al nostro progetto e alla programmazione che portiamo avanti e vogliamo incrementare le attività per far fronte alla situazione creatasi. Solo grazie alle risposte positive riusciamo a ricaricarci nelle forze e nell’entusiasmo. Auspichiamo – ha concluso – che anche in questa occasione la partecipazione possa essere in aumento e rispondere alle nostre aspettative e all’esigenze”.

LEGGI ANCHE : Mercatino di Natale a Pizzo: protocollo d’intesa fra Comune, Pro Loco e Gal Terre Vibonesi

Pizzo, iniziative tese all’inclusione organizzate dall’Uici di Vibo

Pizzo, successo per “Visioni in Lab” alla sua prima uscita ufficiale

Articoli correlati

top