Chiusura biglietteria di Vibo-Pizzo, la Cgil: «Scelta insensata»

L’organizzazione sindacale promette battaglia: «Chiederemo un confronto con Rfi e Ferrovie dello stato per contrastare questa sciagurata ipotesi»
L’organizzazione sindacale promette battaglia: «Chiederemo un confronto con Rfi e Ferrovie dello stato per contrastare questa sciagurata ipotesi»
Informazione pubblicitaria

«Non abbiamo avuto alcuna notizia da parte di Rfi circa la chiusura di altre biglietterie di stazioni ferroviarie in Calabria. E, soprattutto, non siamo a conoscenza della chiusura della biglietteria di Vibo-Pizzo. Se questa ipotesi, dovesse rivelarsi vera e concreta al sindacato non resterebbe altro che contrastarla». E’ quanto affermano in una nota le organizzazioni sindacali Cgil Area Vasta Catanzaro-Vibo-Crotone e Filt-Cgil Calabria e Area Vasta in ordine alla notizia, pubblicata dalla nostra testata, della prossima chiusura della biglietteria della stazione ferroviaria di Vibo-Pizzo. «Non stiamo parlando di una piccola stazione dove transita solo qualche treno regionale – argomenta il sindacato – ma di un presidio importante che serve i passeggeri del capoluogo e dell’intera provincia. Sarebbe insensato procedere alla chiusura della biglietteria anche perché la stazione di Vibo-Pizzo ha una frequenza turistica importante non solo nei mesi estivi e rappresenterebbe un colpo al sistema turistico di tutta l’area, oltre alla diminuzione di posti di lavoro nella stazione stessa. La Filt della Calabria e Area Vasta e la Cgil Area Vasta – conclude la nota – non possono permettere che questo territorio continui ad essere depredato e mortificato. Chiederemo un confronto con Rfi e il Gruppo Fs e, se non dovesse risultare sufficiente, inviteremo alla mobilitazione».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: La biglietteria della Stazione di Vibo-Pizzo verso la chiusura – Video