Bufera sulla Lega a Nicotera, chieste le dimissioni del segretario cittadino

Cinque esponenti del partito contro le scelte di Antonio Macrì che nel frattempo è stato però promosso dal livello regionale
Cinque esponenti del partito contro le scelte di Antonio Macrì che nel frattempo è stato però promosso dal livello regionale
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

E’ bufera sulla Lega a Nicotera. Cinque esponenti del partito sfiduciano di fatto il segretario cittadino e consigliere comunale di minoranza Antonio Macrì, non condividendone la line apolitica e le ultime scelte. “I sottoscritti Domenica Corigliano, Diego Pagano Anna Rita Sardo, Teresa Thobie, Carmen Zagari, già candidati al Consiglio comunale nella lista della Lega, con la presente nota intendono dissociarsi dalle ultime scelte adottate in Consiglio dal segretario cittadino, nonché consigliere comunale Antonio Macrì”. Una “bocciatura” a tutto campo per il consigliere comunale della Lega a Nicotera le cui scelte, secondo i compagni di partito, sono state sinora indirizzate a “sposare ogni argomentazione proveniente dalla maggioranza e sono frutto di valutazioni personali e non concordate con noi. Riteniamo – spiegano gli esponenti della Lega – che la stragrande maggioranza delle votazioni fatte, come quella a favore dell’aumento della Tari, vadano in senso contrario alle battaglie da sempre portate avanti dalla Lega e dalle promesse fatte ai cittadini in campagna elettorale, e soprattutto vadano contro gli interessi stessi dei cittadini nicoteresi. Noi siamo e saremo sempre per la gente tra la gente, andremo contro ogni interesse e mire personalistiche, per cui invitiamo il consigliere di minoranza a rispettare il suo ruolo affidatogli dai cittadini, o a dimettersi dall’incarico di segretario cittadino ed appoggiare, così come ha sempre fatto, senza problemi l’attuale maggioranza”. [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria
Il segretario della Lega di Nicotera Antonio Macrì

La “sfiducia” degli esponenti della Lega di Nicotera nei confronti del loro segretario cittadino, Antonio Macrì, arriva in concomitanza con il nuovo incarico affidato dal coordinatore regionale del partito, Carmine Bruno, proprio al consigliere comunale di Nicotera. Antonio Macrì è stato infatti nominato nuovo coordinatore provinciale di Vibo Valentia del gruppo Giovani della Lega.

Giovani che però lo “sfiduciano” proprio nella “sua” Nicotera, bocciandone tutte le scelte politiche ed invitandolo persino a dimettersi da segretario cittadino se non intenzionato a fare opposizione alla maggioranza consiliare che sostiene l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Pino Marasco. Per la Lega, dunque, in quel di Nicotera (come in passato anche a Vibo Valentia) c’è “maretta”. E, probabilmente, siamo ancora solo all’inizio in un partito dove, a più latitudini, ognuno sembra andare per conto proprio.

LEGGI ANCHE: Scossoni nella Lega a Vibo: Carlutti si dimette, Macrì nuovo coordinatore Giovani