Rifiuti, esordio disastroso per l’Ecocar a Vibo: ditta già sanzionata per 20mila euro

L’amministrazione comunale contesta la mancata raccolta di plastica, indifferenziato, ingombranti e Raee e la mancata pulizia delle spiagge. Alla base dei disservizi «l’indisponibilità allo straordinario per i lavoratori»
L’amministrazione comunale contesta la mancata raccolta di plastica, indifferenziato, ingombranti e Raee e la mancata pulizia delle spiagge. Alla base dei disservizi «l’indisponibilità allo straordinario per i lavoratori»
Informazione pubblicitaria
Rifiuti in spiaggia a Vibo Marina
Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

Ci sono «numerosi disservizi rilevati dagli uffici nei confronti della ditta affidataria del servizio di igiene ambientale» alla base della sanzione economica applicata al nuovo gestore del settore da parte del Comune di Vibo Valentia per un totale di circa 20mila euro. In particolare, alla ditta subentrata da pochi giorni nel servizio di raccolta, si contesta «il mancato prelievo di plastica e indifferenziato, il mancato svuotamento raccoglitori indumenti, il mancato spazzamento di vie cittadine e della frazione marina – in particolare per quanto riguarda l’accesso al mare -, la mancata pulizia delle spiagge, il mancato taglio dei cespugli lungo le vie, la mancata raccolta dei rifiuti ingombranti e Raee abbandonati».

Tale circostanza, spiega il Comune, nasce «dall’indisponibilità al regime di straordinario dei lavoratori della ditta che espleta il servizio per contratto. Di fatto, finito il monte ore prestabilito, i lavoratori non intendono essere disponibili ad effettuare lavoro straordinario». Il Comune, attraverso il responsabile del servizio, «sta effettuando numerosi sopralluoghi, per accertare il danno e ha proceduto a contestare e sanzionare la ditta, con applicazione di penalità di natura economica, ai responsabili per mancato servizio svolto per un totale di circa 20mila euro. Altre soluzioni – si spiega – si stanno applicando anche per il mancato impiego degli operatori stagionali che avrebbero dovuto potenziare il servizio nelle frazioni marine, in particolare con riferimento al capitolato è stato disposto un sopralluogo congiunto con la ditta circa le contestazioni avviate».