Coronavirus: due persone di Rombiolo fra le vittime

Una è deceduta all’ospedale di Catanzaro e da anni lottava anche contro un tumore, l’altro è un famoso cantastorie. Salgono a 15 i contagi in paese
Una è deceduta all’ospedale di Catanzaro e da anni lottava anche contro un tumore, l’altro è un famoso cantastorie. Salgono a 15 i contagi in paese
Informazione pubblicitaria
Il canatastorie Danilo Montenegro

Salgono a 12 le vittime da coronavirus a Vibo Valentia e provincia dall’inizio della pandemia. Nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale “Pugliese” di Catanzaro è infatti deceduto un 60enne di Rombiolo che da anni lottava contro una patologia tumorale e la scorsa settimana era risultato anche al coronavirus. A Catanzaro era giunto dopo un aggravamento della sue condizioni all’ospedale “Jazzolino” di Vibo Valentia. In totale i contagiati a Rombiolo sono attualmente 15.

Originario di Rombiolo era poi Danilo Montenegro, 72 anni, noto come il cantastorie della Sila, che è deceduto all’ospedale di Cosenza. Da decenni viveva a San Giovanni in Fiore dove si dedicava alla sua poliedrica attività artistica, non solo la musica, ma anche la pittura, la poesia, il teatro. Vincitore del Premio Rino Gaetano nel 1995, la sua prematura scomparsa ha suscitato sentimenti di commozione in tutta la Calabria. È stato protagonista anche di tramissioni radiofoniche della Rai, di eventi oltreoceano e nel 2010 ha anche accompagnato Nino D’Angelo sul palco dell’Ariston in occasione del Festival di Sanremo.