Elezioni regionali, Michele Pagano: «La Lega farà rinascere la Calabria»

Il coordinatore provinciale del partito di Salvini guarda all’appuntamento con le urne del prossimo aprile
Il coordinatore provinciale del partito di Salvini guarda all’appuntamento con le urne del prossimo aprile
Informazione pubblicitaria
Matteo Salvini in una recente visita a Vibo
L'ultima visita di Salvini a Vibo

«All’interno della Lega Calabria è in atto un processo di costruzione di una classe dirigente motivata, che abbia idee e strategia politica. La missione è quella di cercare di far rinascere la nostra tanto bella e amata Calabria, che finora solo male ha ricevuto da parte di classi dirigenti di vario schieramento, pronte allo scambio e interessate al clientelismo, pur di assicurarsi nel tempo la propria sussistenza politica». Così il coordinatore della Lega per la provincia di Vibo Valentia Michele Pagano, che si esprime sulla situazione politica in vista delle elezioni regionali della prossima primavera.

«Chi come me ha aderito alla Lega, e fa parte della classe dirigente del partito – continua Michele Pagano – è fortemente convinto che alla Calabria si possa dare un nuovo indirizzo di sviluppo e di riscatto. Certo, la scommessa è difficile e ardua ma abbiamo il dovere di dare una speranza ai nostri giovani. Per avere maggiori possibilità di riuscita in questa sfida è necessario però che anche la Lega guardi avanti e non indietro; non sarà ammissibile che nella Lega transitino vecchi politici portatori di interessi di singoli gruppi. E’ necessario al contrario che ci sia gente nuova, che abbia un’ idea di sviluppo, voglia fare politica per dare un contributo morale, etico e strategico alla crescita del tessuto economico e sociale calabrese. Nella Lega non c’è spazio per le vecchie logiche. Spero davvero che non ce ne sia nemmeno negli altri partiti. Oggi siamo tutti sostenitori, a parole, della legalità, e ci sbracciamo ad elogiare i vari interventi  della magistratura, Io cerco di sbracciarmi un po’ meno, perché ho il desiderio e la speranza che siano i partiti i primi veri selezionatori di legalità».

«Io sono fiducioso – conclude – perché credo in Salvini e nella sua volontà di dare un nuovo corso politico al Meridione con la contemporanea crescita  di una nuova classe dirigente che sappia interpretare e rendere attuabili le vere istanze che provengono dal territorio calabrese. Ma occorre sforzarci fino alla fine per stoppare la strada della politica a rappresentanti poco cristallini. La Lega  sarà la prima selezionatrice di legalità e trasparenza. Saremo i veri alleati delle forze che lottano ogni giorno contro i delinquenti, i corrotti, i politici deviati, causa del degrado della nostra bella e amara terra».