Vaccini anti-Covid, Cessaniti mette a disposizione un proprio immobile

Il sindaco Mazzeo scrive al commissario Longo: «Punto vaccinale di Vibo insufficiente. Pronti a offrire i nostri locali»
Il sindaco Mazzeo scrive al commissario Longo: «Punto vaccinale di Vibo insufficiente. Pronti a offrire i nostri locali»
Informazione pubblicitaria

Un centro vaccini anti-Covid a Cessaniti. È la proposta del Comune guidato dal sindaco Francesco Mazzeo che ha messo a disposizione un proprio immobile per l’attività di vaccinazione. Il primo cittadino, nelle scorse ore, ha infatti inviato una missiva al commissario calabrese della sanità Guido Longo.

«Il Piano regionale per la campagna di vaccinazione anti Sars-Cov-2, approvato dalla struttura commissariale guidata dal dottor Longo – spiega il primo cittadino – evidenzia come sia importante il confronto tra operatori con diversi profili, per la definizione del sistema organizzativo, per meglio identificare la mappa dei punti di erogazione delle prestazioni e per mettere in atto le migliori strategie per la somministrazione del vaccino».

A tal proposito, «nell’ottica di individuare il miglior modello organizzativo per la gestione della vaccinazione anti Covid-19, mediante un percorso vaccinale che sia garante del raggiungimento dei  gruppi di popolazione definite a livello nazionale secondo criteri di equità, universalità, giustizia,  trasparenza e correttezza, l’amministrazione comunale mette a disposizione, a  titolo completamente gratuito, un immobile di proprietà comunale da destinare a punto vaccinale, che rispecchia tutte le prescrizioni ed i requisiti previste dal Piano stesso», evidenzia Mazzeo. Infatti, rimarca ancora il sindaco, «l’unico punto ospedaliero individuato dal Piano regionale, localizzato presso l’ospedale di Vibo Valentia, appare insufficiente per attuare quell’accellerazione della vaccinazione che oramai – conclude- appare indispensabile, sia da un punto di vista sanitario che economico, anche in previsione dell’arrivo di nuovi vaccini di diverse case farmaceutiche».