mercoledì,Giugno 23 2021

Riqualificazione di piazza Municipio a Vibo, nominata la commissione giudicatrice

Ecco i membri titolari e quelli supplenti che dovranno individuare la migliore proposta progettuale per la riqualificazione urbana di piazza Martiri d'Ungheria che nel frattempo rimane un parcheggio

Riqualificazione di piazza Municipio a Vibo, nominata la commissione giudicatrice
Piazza Municipio

E’ stata nominata la commissione giudicatrice per il concorso di progettazione a procedura aperta inerente i lavori di riqualificazione urbana di piazza Martiri d’Ungheria a Vibo Valentia, meglio nota come piazza Municipio. Il dirigente del Comune di Vibo, Domenico Scuglia, con apposita determina – motivando la scelta con la “carenza in organico di personale che possa, nei tempi programmati per l’intervento, riuscire contestualmente a svolgere le funzioni di istituto, oltre che per la specificità del concorso” – ha stabilito di ricorrere a professionalità esterne. Ecco, quindi, che su richiesta della Stazione Appaltante, l’Ordine degli Architetti di Vibo Valentia ha designato l’architetto Luigi Tommaso Achille quale componente effettivo della commissione giudicatrice per il concorso di progettazione per la riqualificazione della piazza, e l’architetto Salvatore Aloi come componente supplente. [Continua in basso]

Domenico Scuglia

I membri titolari della commissione giudicatrice sono quindi lo stesso dirigente Domenico Scuglia, rappresentante della Stazione Appaltante, con funzioni di presidente; l’architetto Luigi Tommaso Achille rappresentante designato dall’Ordine degli Architetti di Vibo Valentia, con funzioni di componente; l’architetto Alfonso Femia, visiting professor alla Kent State University di Firenze e alle Facolte di Architettura di Ferrara e di Genova, con funzioni di componente; l’architetto Giovanni Multari, professore presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, con funzioni di componente; l’architetto Michelangelo Pugliese, dottore di ricerca in “Architettura del Paesaggio”, docente a contratto dell’Università di Napoli Federico II, con funzioni di componente.

Adriana Teti (membro supplente)

Membri supplenti della commissione giudicatrice sono stati nominati l’architetto Salvatore Aloi, rappresentante designato dall’Ordine degli Architetti di Vibo Valentia; Adriana Teti, dirigente del Settore 4 di “palazzo Luigi Razza”- Territorio e Pianificazione urbana sostenibile del Comune di Vibo. Il compenso forfettario per la partecipazione dei quattro componenti esterni della commissione giudicatrice, comprensiva di spese, oneri previdenziali ed iva, è stato fissato in seimila euro. La commissione giudicatrice dovrà procedere all’individuazione della migliore proposta progettuale riguardante l’intervento di “Rigenerazione e riqualificazione urbana di piazza Martiri d’Ungheria”. Si tratta quindi di un concorso di progettazione (fortemente voluto dall’assessore ai lavori pubblici Giovanni Russo con il coinvolgimento dell’Ordine degli Architetti) e la commissione giudicatrice dovrà esaminare i piani e i progetti presentati dai candidati in forma anonima e unicamente sulla base dei criteri specificati nel bando di concorso. L’anonimato dovrà essere rispettato sino al parere o alla decisione della commissione giudicatrice che nei suoi pareri e nelle sue decisioni è totalmente autonoma.[Continua in basso]

Piazza Municipio trasformata in parcheggio

Il concorso di progettazione a procedura aperta sarà articolato in due gradi in modalità informatica, con valutazione nel primo grado delle cinque migliori proposte ideative senza formazione di graduatorie di merito né di assegnazione di premi. Tali migliori cinque proposte avranno poi accesso al secondo grado, consistente nella redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica dell’intervento di riqualificazione della piazza, individuando successivamente il vincitore del concorso al quale, previa verifica del possesso dei requisiti di legge, saranno affidati con procedura negoziata, le prestazioni tecniche afferenti: il progetto definitivo, il progetto esecutivo, il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione e la direzione lavori.

Da ricordare che la giunta comunale il 15 febbraio scorso ha approvato il Documento preliminare all’avvio della progettazione, redatto  dall’ingegnere e tecnico comunale Lorena Callisti, responsabile unico del procedimento, che ha descritto lo stato dei luoghi, definendo i criteri, le modalità, i tempi da rispettare e gli obiettivi che l’amministrazione aggiudicatrice intende perseguire con l’intervento di riqualificazione della piazza per il quale il Comune di Vibo Valentia ha ottenuto un contributo per un importo pari ad un milione di euro “per ciascuno degli anni 2021 e 2022 per spese di investimento”. [Continua in basso]

Il parcheggio vuoto di piazza Spogliatore “tappezzato” con strisce blu

La nuova sistemazione di piazza Martiri d’Ungheria dovrà rispettare i caratteri specifici del luogo, la normativa vigente e consentire il recupero di questo importante spazio pubblico per la vita cittadina, mediante soluzioni che consentano di qualificare il valore della piazza come “luogo” riconoscibile, creando uno scenario urbano innovativo ma rispettoso dei valori storici e culturali. I tempi per vedere il nuovo look di piazza Municipio sono lunghi, ma l’iter è avviato. Spetterà ora all’amministrazione comunale decidere se, nel frattempo, l’attuale ed orrendo parcheggio pubblico – che vede Vibo Valentia quale unico capoluogo di provincia in cui è consentito parcheggiare nella piazza principale della città – vada mantenuto ed in quali fasce orarie. Di certo nulla è stato fatto sinora per agevolare l’accesso in altri parcheggi pubblici della città come quello della vicina piazza Spogliatore che continua a rimanere in gran parte vuoto in quanto interamente “tappezzato” con strisce blu in barba ad ogni legge che impone invece di delimitare gli spazi destinati ai parcheggi con una percentuale adeguata di strisce bianche.

LEGGI ANCHE: Vibo e la città dei “sogni”: sulla carta lavori per 185 milioni di euro

Short list, Lorenza Scrugli torna alla carica: «Criteri discrezionali hanno orientato le scelte»

top