mercoledì,Settembre 22 2021

Mileto, il consiglio approva il Piano triennale delle opere pubbliche

Nel corso dell’incontro il sindaco difende il presidente della Provincia Solano sui lavori della San Giovanni-svincolo A2: «È merito suo»

Mileto, il consiglio approva il Piano triennale delle opere pubbliche
Il Comune di Mileto
Salvatore Fortunato Giordano

Si è incentrato sul Piano triennale delle opere pubbliche il consiglio comunale svoltosi a Mileto. A relazionare sul punto, il sindaco Salvatore Fortunato Giordano, il quale ha spiegato che il documento «presenta delle opere nuove già finanziate, come ad esempio gli interventi in località Santa Venere e quelli riguardanti i campetti sportivi di Comparni e dell’ex Foro Boario, ma anche pratiche precedenti, tuttavia rimodulati». Tra i nuovi progetti, anche quelli con fondi erogati dal Ministero dell’Interno, «che permetteranno nelle prossime annualità di mettere in sicurezza, tra le altre cose, il Campo sportivo, la zona dell’ex ospedale civile Mileto, il campo viario di San Giovanni e Comparni e il tratto di pertinenza comunale della Mileto-Filandari. Opere per noi molto importanti, perché consentono di aprire il territorio a questi interventi veri e certi».

Sull’argomento è intervenuto il capogruppo di minoranza Giulio Caserta, il quale, spinto dall’intento «di stimolare e non di fare polemica», dopo aver dato merito alla maggioranza dell’apprezzabile impegno posto sul Piano dei lavori pubblici e per le opere «già programmate e quotidianamente eseguite», ha posto l’accento sulla presenza nel documento di numerosi interventi già posti in essere da amministrazioni precedenti. Lo stesso, ha poi espresso preoccupazione sul reale rispetto dei tempi di attuazione. Infine, una stoccata sul recente avvio dei lavori di ripristino della strada provinciale che da San Giovanni porta allo svincolo dell’A2, chiusa dal 2009, «oggetto da parte del presidente della Provincia Salvatore Solano di innumerevoli passarelle, seppur il finanziamento risalga al 2017. Lui con questi fondi non c’entra nulla – ha chiosato Caserta – nonostante sia venuto 10 volte per propagandare questo intervento».

In difesa di Solano si è espresso il sindaco.  «Se non fosse stato per lui – ha sottolineato – i lavori riguardanti la strada non sarebbero partiti, lo dico a cuore aperto, pur non essendo della sua parte politica. È vero che i fondi stanziati risalgono al 2017, ma il progetto era rimasto solo alla fase documentale. L’intenzione c’era stata, ma poi i fondi erano stati stralciati dalla Protezione civile e destinati ad altro. Il presidente Solano, investito della questione dal Comune e dall’apposito comitato civico, ha ripreso l’iniziativa destinando a tal fine ben 250 mila euro dei 300 mila accantonati in economia dai progetti ammessi nel 2017». Quindi, la risposta alle osservazioni di Caserta sul Piano, approvato con una sola astensione. «Stiamo lavorando a 360% – ha replicato Giordano – portando avanti le pratiche di vecchi fondi, ma anche riuscendo ad ottenere ben 3 milioni e 700 mila euro di finanziamenti nuovi. Il nostro è un Piano onesto e vero, in cui tutto verrà realizzato nel rispetto dei tempi stabiliti».

In consiglio, apprezzamento sull’operato della maggioranza è stato espresso dall’ingegnere Gianfranco Mesiano, che dopo essere stato sconfitto da Giordano alle ultime elezioni ha, sin da subito, messo a disposizione del Comune la sua professionalità, divenendo uno dei più stretti collaboratori del sindaco. Confermate, nel corso dell’incontro, le stesse aliquote Imu dell’anno precedente.

Articoli correlati

top