Mileto, al via l’era Mazzeo: «Massimo impegno per il rilancio della comunità»

Prima uscita del neo sindaco che promette parità di servizi tra centro e frazioni. E sulla futura Giunta dice: «No ad assessorati esterni. Decideremo insieme premiando i sacrifici di chi si è impegnato». Gli auguri di Insardà e Lebrino 

Prima uscita del neo sindaco che promette parità di servizi tra centro e frazioni. E sulla futura Giunta dice: «No ad assessorati esterni. Decideremo insieme premiando i sacrifici di chi si è impegnato». Gli auguri di Insardà e Lebrino 

Informazione pubblicitaria
La lista "Siamo Mileto"
Informazione pubblicitaria

A poche ore dalla conclusione delle elezioni comunali di Mileto, arrivano le prime dichiarazioni del nuovo sindaco Rosetta Mazzeo. Il neo primo cittadino, dopo la proclamazione degli eletti contrassegnata dall’assenza della controparte e avvenuta nel primo pomeriggio nei locali della Scuola elementare “Giuseppe Morabito”, ripercorre dapprima la vittoriosa cavalcata che lo ha portato a conquistare lo scranno più alto di Palazzo dei normanni, fatta «di sensazioni splendide, di tanto calore ricevuto dalla gente e di gioia infinita, una volta certi di un risultato positivo che va al di là dei numeri». Successivamente, traccia il punto da cui ripartire, facendo anche delle puntualizzazioni e sgombrando alcuni dubbi. «Per prima cosa – afferma la leader di “SiAmo Mileto” – dobbiamo capire bene quale sia la reale situazione economica del Comune. Subito dopo ci attiveremo per eliminare le spese inutili e puntare ad attuare le cose necessarie e ad erogare ai nostri cittadini i servizi primari, partendo dal basso e salvaguardando il bene comune. Sarò il sindaco di tutti, lavorerò per garantire i propri diritti a ogni abitante del nostro territorio, sia residente a Mileto e sia nelle frazioni di Paravati, San Giovanni e Comparni». 

Informazione pubblicitaria

Per quanto riguarda la composizione della prossima squadra di governo, Rosetta Mazzeo esclude di voler attingere ad assessorati esterni. «Il nostro – spiega – è un gruppo coeso, disponibile ad impegnarsi al di là delle cariche che saranno ad ognuno assegnate. Decideremo comunque in modo collegiale, partendo dal presupposto che i sacrifici di chi si è impegnato per il bene della coalizione devono essere premiati, fermo restando che saremo sempre aperti ad accogliere i suggerimenti delle persone competenti, avendo un chiaro occhio di riguardo alla rappresentanza in giunta di tutti gli ambiti territoriali del nostro comune. Sento addosso una grande responsabilità – conclude – accentata ancor di più dal fatto di essere il primo sindaco donna della storia di Mileto. Tutto questo, però, mi stimola anche, soprattutto mi spinge ad impegnarmi con tutte le forze e a 360 gradi per il rilancio della nostra comunità». Messa alle spalle l’ennesima gestione commissariale dell’Ente, seguita all’ormai consueta fine anticipata di consiliatura, Mileto si avvia dunque all’era dell’amministrazione Mazzeo. A lei l’arduo compito di risalire la china, dopo un periodo non certo edificante di vita socio-politica locale.           

Le reazioni. «Enorme soddisfazione per la vittoria della lista capeggiata da Rosetta Mazzeo, evento storico , prima donna alla guida dell’ente» viene espressa da Gian Maria Lebrino, segretario provinciale del Partito socialista a Vibo Valentia. «Sono sicuro che, grazie alla sua grande passione, saprà dare nuovo vigore e nuova linfa per far decollare Mileto. Guiderà un’amministrazione composta da uomini e donne capaci e uniti dalla voglia di rendersi utili alla propria comunità. Questa vittoria – aggiunge – testimonia che il lungo e spassionato impegno paga. Tornata tutto sommato positiva per il centrosinistra – conclude Lebrino -, oltre Mileto ottimi risultati anche a Gerocarne e Parghelia. Ripartire da qui per costruire una politica forte, capace di risolvere le molte problematiche».

«Un pensiero particolare all’amica e compagna Rosetta Mazzeo, primo sindaco donna di Mileto» arriva anche da Enzo Insardà, segretario provinciale del Pd che all’indomani del voto ha parlato di un «risultato che conferma la passione, la dedizione, il lavoro svolto a testa bassa sul territorio da tutti coloro i quali si sono messi in gioco con idee e progetti per rispondere alle istanze delle realtà locali» riferendosi anche all’elezione di Antonio Landro a Parghelia e di Vitaliano Papillo, riconfermato sindaco di Gerocarne. A loro e ai consiglieri comunali eletti, da Insardà arriva «un sincero augurio di buon lavoro per il bene delle nostre comunità».

LEGGI ANCHE:

Comunali a Mileto, Rosetta Mazzeo primo sindaco donna: ecco il nuovo Consiglio

Amministrative 2018, ecco i sindaci eletti nei sei comuni vibonesi al voto