Troppi incidenti stradali a Vibo, Russo (Pd) al sindaco: «Serve maggiore sicurezza»

Dopo l’ultimo sinistro su viale della Pace, il capogruppo democrat in consiglio comunale chiede maggiore attenzione alla viabilità da parte dell’Amministrazione: «Non si concentri solo sulle poltrone»

Dopo l’ultimo sinistro su viale della Pace, il capogruppo democrat in consiglio comunale chiede maggiore attenzione alla viabilità da parte dell’Amministrazione: «Non si concentri solo sulle poltrone»

Informazione pubblicitaria

«L’incidente stradale che ha coinvolto tre autovetture, martedì pomeriggio, lungo viale della Pace con ben cinque persone ferite dimostra in maniera evidente quanto l’attenzione dell’amministrazione comunale verso le istanze dei cittadini stia oggettivamente scemando in maniera drastica. In passato, sempre su quella strada e sempre all’altezza dell’incrocio in cui s’è verificato l’ultimo sinistro, gli uomini della Polizia municipale sono stati chiamati a rilevare numerosissimi scontri tra autovetture e, in un caso, anche un incidente gravissimo che ha coinvolto un nostro concittadino che ora non c’è più». È quanto riferisce in una nota il capogruppo del Pd in consiglio comunale a Vibo, Giovanni Russo, puntualizzando che «nessuno intende colpevolizzare direttamente il sindaco, la Giunta, la maggioranza per quanto accaduto. Ma sarebbe da ingenui non evidenziare come e quanto le responsabilità indirette chi di amministra la città pesino, sempre, sul rapporto causa-effetto di questi fatti di cronaca. È da troppo tempo che vengono infatti invocati dai cittadini ulteriori interventi di messa in sicurezza di questa e altre arterie stradali della città rafforzando il sistema di dissuasione della velocità, quale azione minima per tentare di limitare il rischio di scontri che potrebbero avere effetti drammatici. Eppure, l’amministrazione comunale continua a catalizzare la sua attenzione su altre faccende che continuano a paralizzare l’azione amministrativa a scapito della collettività».

Un altro caso che Russo segnala è quello della strada di collegamento tra Vibo Marina e Pizzo Calabro. «Si tratta – spiega – dell’unica strada di collegamento diretto tra le due località costiere e turistiche, dove da sempre, e in qualunque periodo dell’anno, insiste un traffico notevole. Ebbene, nonostante le sollecitazioni a installare in questa area dissuasori di velocità all’interno del tratto urbano, le automobili continuano a sfrecciare a tuta velocità sfiorando gli usci di ingresso delle numerose abitazioni presenti di cittadini che, evidentemente, per il nostro sindaco vanno considerati di serie B». Insomma, una situazione che l’esponente del Pd non esita a definire «sconcertante; una situazione che contribuisce a conferire all’esterno un’immagine assolutamente negativa di Vibo: traffico in tilt, strade interne invase da mezzi di ogni stazza, arterie pericolose non soltanto per automobilisti e motociclisti, ma anche e soprattutto per i pedoni. Il dato che se ne trae è inequivocabile: anche sotto questo profilo dobbiamo scontare rispetto ad altre realtà calabresi un gap impressionante (e c’è gente che continua nel frattempo a innescare guerre intestine per la conquista di qualche scranno. Noi dobbiamo invece accontentarci della sola, seppur importante, consolazione di poterci rallegrare per le circostanze fortuite che hanno fatto sì che lungo le strade di accesso al capoluogo non ci sia scappato il morto. Altro che orgoglio vibonese, caro sindaco…».

LEGGI ANCHE: Incidente stradale a Vibo, migliorano le condizioni dei feriti