Rifiuti ed erbacce a Vibo, il MeetUp contro il Comune: «Città nel degrado»

Nuovo affondo dei “Vibonesi in movimento - Amici di Beppe Grillo” che segnalano le criticità nel centro abitato e nelle frazioni: «L’Amministrazione arranca e peggiora giorno dopo giorno»

Nuovo affondo dei “Vibonesi in movimento - Amici di Beppe Grillo” che segnalano le criticità nel centro abitato e nelle frazioni: «L’Amministrazione arranca e peggiora giorno dopo giorno»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«È ogni giorno più evidente come questa Amministrazione arranchi nel suo percorso, peggiorando costantemente. Non si riesce a nominare un assessore, dopo nemmeno un mese si è dimesso l’ennesimo. Il servizio di raccolta rifiuti, stentato, con evidenti pecche nello spazzamento di strade, marciapiedi e taglio della vegetazione, ha dimostrato la sua ulteriore fragilità l’altro giorno, con il legittimo sciopero dei lavoratori». È quanto riferisce in un comunicato stampa il Meetup “Vibonesi in Movimento – Amici di Beppe Grillo”, richiamando i problemi decoro urbano che attanagliano la città di Vibo. E non solo. «L’asilo nido – proseguono non a caso – per miracolo rimane aperto, i lavori del teatro, per quanto ulteriormente finanziato, non sembrano ancora giungere alla conclusione, le strade sono fracassate e piene di immondizia, lungomari dimenticati, aiuole delle scuole e di altri edifici pubblici, per gran parte dell’anno abbandonate. Nonostante il susseguirsi degli assessori e la presenza di numerosi consiglieri comunali, sembra poi che nessuno sia mai passato da viale delle Accademie Vibonesi, dove dei parchi, profumatamente finanziati alcuni anni fa, non sono stati quasi mai frequentati, a causa della costante e perpetua incuria. Sui marciapiedi di diverse strade, per esempio vicino al quartiere Moderata Durant, l’abbondante vegetazione cresce rigogliosa impedendo ai passanti di camminare tranquillamente in una zona pedonale. Speriamo che la vacillante amministrazione Costa, dopo l’incremento dei tributi si adoperi per dotare ciascuno di un machete». 

Informazione pubblicitaria