“Sarcofago” a San Leoluca e monumento a Luigi Razza nel degrado, doppia interrogazione di Policaro

Il consigliere comunale d’opposizione si rivolge al sindaco di Vibo Elio Costa chiedendo di conoscere quali iniziative siano state intraprese per mettere un freno alla degradante situazione

Il consigliere comunale d’opposizione si rivolge al sindaco di Vibo Elio Costa chiedendo di conoscere quali iniziative siano state intraprese per mettere un freno alla degradante situazione

Informazione pubblicitaria
L'area archeologica ricoperta alla meno peggio
Informazione pubblicitaria

Due distinte interrogazioni rivolte al sindaco di Vibo Valentia, Elio Costa, in relazione allo stato di abbandono in cui versa una centralissima area cittadina: quella che insiste tra il duomo e il monumento a Luigi Razza, vale a dire piazza San Leoluca. Le ha presentate il consigliere comunale d’opposizione Giuseppe Policaro. Nella prima, l’esponente del gruppo “Vibo unica” chiede lumi in merito allo «stato dei lavori e delle iniziative già intraprese o da intraprendere per la copertura/valorizzazione dei reperti archeologici ritrovati in piazza San Leoluca», chiedendo in particolare se «risultino adottati o stiano per essere adottati provvedimenti in merito agli interventi che si intendono realizzare per superare la segnalata ed oramai atavica criticità (precisandone le relative tempistiche ed i relativi cronoprogrammi) e per assicurare così il decoro della piazza San Leoluca oltre che per preservare l’immagine della città».

Informazione pubblicitaria

La seconda interrogazione ha ad oggetto lo «Stato di abbandono in cui versa il monumento di Luigi Razza, ivi inclusi gli spazi verdi e le vie adiacenti». In questo caso Policaro interroga il sindaco chiedendo «se dei fatti rappresentati nell’interrogazione sia pervenuta già segnalazione e, in caso di esito positivo, risultino adottati o stiano per essere adottati provvedimenti in merito agli interventi che si intendono realizzare per superare le segnalate criticità (precisandone le relative tempistiche ed i relativi cronoprogrammi) e per assicurare così il decoro della piazza San Leoluca, del monumento di Luigi Razza, delle strade adiacenti oltre che per preservare l’immagine della città». In entrambi i casi il consigliere Policaro chiede una risposta per iscritto e allega ampia documentazione fotografica rappresentativa dell’attuale stato dei luoghi.