Comune di Mileto, la minoranza apprezza le dimissioni del sindaco

Il gruppo di Natino Giordano e Domenico Pontoriero plaude al gesto “coraggioso” di Rosetta Mazzeo ed esprimono solidarietà per i problemi di salute

Il gruppo di Natino Giordano e Domenico Pontoriero plaude al gesto “coraggioso” di Rosetta Mazzeo ed esprimono solidarietà per i problemi di salute

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Arrivano a stretto giro di posta le reazioni della minoranza “Città futura” in ordine alle dimissioni del sindaco di Mileto Rosetta Mazzeo. Nella serata di ieri, l’associazione politico-culturale facente capo all’opposizione guidata da Natino Giordano si è infatti riunita ripercorrendo le fasi che hanno portato al clamoroso passo indietro del primo cittadino. Dal dibattito che ne è seguito, introdotto dallo stesso capogruppo e dal consigliere Domenico Pontoriero, è emersa la volontà di attendere i venti giorni utili alla Mazzeo per un eventuale ripensamento, “prima di dare un giudizio politico sulla vicenda”, e di esprimere unanimemente “ampia solidarietà e vicinanza al sindaco, affinché la salute, cui sembrano essenzialmente essere legate le dimissioni, possa presto migliorare”. Nella riunione è stato mostrato, altresì, apprezzamento per “il gesto coraggioso” di un primo cittadino che, “prendendo atto dell’impossibilità di dare una sterzata al recente andazzo dell’azione amministrativa, con senso di responsabilità esprime la volontà di restituire la parola agli elettori. Ritroviamo in questo atto – afferma oggi la componente d’opposizione a Palazzo dei normanni – alcuni principi che sottendono i valori ispiratori della nostra azione politica, senza attaccamento alle poltrone ma guardando ai soli interessi della comunità. Una comunità che nel recente passato ha subito azioni politiche distruttive e che avrebbe bisogno di una spinta forte, che aggredisca gli innumerevoli problemi e tenti di risolverli”. Le dimissioni di Rosetta Mazzeo vengono, dunque, apprezzate da “Città futura”, “e non poteva essere altrimenti, atteso che la stessa faceva parte, condividendone in pieno i valori ispiratori, del nostro progetto. Ora attendiamo l’evolversi della situazione – concludono Natino Giordano e il resto del suo gruppo – e augurando al sindaco una pronta guarigione, continuiamo ad assicurare la nostra azione di vigilanza e controllo, ma al tempo stesso propositiva, sull’attività degli organi e degli uffici, comunque in carica, affinché siano salvaguardati gli interessi e, quantomeno, i servizi  essenziali a favore della comunità e dei numerosi emigrati che sono rientrati nel paese natio per le vacanze estive”.

Informazione pubblicitaria