Alemanno a Vibo difende Salvini e attacca la magistratura (VIDEO)

L’ex sindaco di Roma e segretario del Movimento Nazionale per la Sovranità anticipa che per le Regionali in Calabria correrà con la Lega

L’ex sindaco di Roma e segretario del Movimento Nazionale per la Sovranità anticipa che per le Regionali in Calabria correrà con la Lega

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Il problema non è soltanto l’avvio di un’inchiesta su capi d’accusa infondati, ma la spettacolarizzazione della stessa, finalizzata a condizionare l’operato del ministro dell’Interno. E da questo punto di vista abbiamo presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Caltanissetta contro  il pm Patronaggio per verificare se abbia commesso lui stesso dei reati, cercando di condizionare un organo dello Stato legittimato da consenso popolare visto che gli elettori hanno votato Salvini sulla scorta di quanto da questi promesso in campagna elettorale». E’ quanto dichiarato da Gianni Alemanno, che da segretario del Movimento Nazionale per la Sovranità ha preso le difese della Lega e di Matteo Salvini intervenendo a Vibo Valentia. L’inchiesta riguardante i fondi della Lega è stata definita dall’ex sindaco di Roma «un’ingiustizia» poiché a suo avviso «i comportamenti di alcuni dirigenti non possono ricadere su tutta una comunità politica che invece opera correttamente. Il sequestro obbliga la Lega a creare una nuova realtà politica – ha dichiarato Alemanno – in quanto il partito non avrebbe più le risorse per poter vivere. E questo viola i diritti politici di tutti coloro che hanno votato per la Lega». Secondo Alemanno, «queste iniziative giudiziarie si stanno rivelando un boomerang e consentiranno a Salvini e alla Lega di rafforzare il proprio consenso. Crediamo, tuttavia, che questi conflitti tra organi dello Stato, ed in particolare tra Governo e magistratura, non facciano bene. Per questo ci auguriamo che ci siano prese di posizione responsabili finalizzate ad un abbassamento dei toni. La responsabilità di quanto è accaduto non può essere scaricata solo su Salvini e la magistratura deve adoperarsi per evitare iniziative francamente molto pesanti sulla vita democratica del Paese». Per quanto attiene invece alla Calabria, Alemanno si è augurato che i calabresi voltino pagina in quanto la Regione non ha più, a suo avviso, alcuna forza contrattuale. Per le regionali, Alemanno ha quindi preannunciato che correrà accanto alla Lega.  

Informazione pubblicitaria