Trasporto pubblico “fantasma” a Vibo, Lo Schiavo: «Per migliorarlo non servono miracoli»

Dopo il servizio di LaC Tv e Il Vibonese l’esponente dei Progressisti bacchetta l’Amministrazione: «Si trovano centinaia di migliaia di euro per il teatro ma mancano i fondi per pensiline e paline»

Dopo il servizio di LaC Tv e Il Vibonese l’esponente dei Progressisti bacchetta l’Amministrazione: «Si trovano centinaia di migliaia di euro per il teatro ma mancano i fondi per pensiline e paline»

Informazione pubblicitaria
L'autobus viaggia vuoto a Vibo
Informazione pubblicitaria

«Trovo molto utile il sevizio del Tg di LaC e de Il Vibonese sul trasporto fantasma a Vibo. Si tratta di un problema noto alla politica da tanto tempo e ne avevamo parlato (insieme a mille altre cose) in campagna elettorale. Si tratta di una questione così evidente quanto semplice da risolvere: il trasporto urbano è fantasma perché nessuno sa dove passa e a che ora si ferma il bus». A riferirlo in un intervento è Antonio Lo Schiavo, esponente dei Progressisti per Vibo e già candidato del centrosinistra a sindaco della città. «Servono – spiega il consigliere comunale d’opposizione – solo poche pensiline e un preciso calendario degli orari. Possibile che sia tutto così difficile in questa città? Possibile che quando si vogliono si trovano le risorse (anche centinaia di migliaia di euro come per il teatro) e quando si può invece migliorare la vita quotidiana delle persone con piccole cose si alza il solito muro della mancanza di fondi? Per migliorare la qualità della vita non servono miracoli, ma lo si può fare con una buona amministrazione, a volte anche con poco, molto poco». LEGGI ANCHETrasporto pubblico a Vibo, inchiesta sul servizio “fantasma” senza orari e fermate – Video

Informazione pubblicitaria