Viabilità da incubo nell’area scolastica a Vibo, La Gamba (Lega): «Intervenire»

Il componente del neo-coordinamento cittadino del partito esorta Comune e Provincia ad interessarsi ad una problematica che attanaglia tutti i giorni centinaia di studenti e docenti

Il componente del neo-coordinamento cittadino del partito esorta Comune e Provincia ad interessarsi ad una problematica che attanaglia tutti i giorni centinaia di studenti e docenti

Informazione pubblicitaria
La situazione di via Fortunato a Vibo
Informazione pubblicitaria

La condizione delle strade situate nell’area della cosiddetta cittadella scolastica di Vibo Valentia, tornano al centro dell’attenzione grazie all’intervento di Gregorio La Gamba, componente del coordinamento cittadino di Vibo Valentia della Lega – Salvini Premier. «Gravi, anzi gravissime – spiega -, sono le condizioni delle vie di accesso che portano alle scuole situate in via G. Fortunato, un “complesso” di scuole di cui fanno parte centinaia di studenti, docenti e personale scolastico. La strada, situata al di sotto del palazzetto comunale di Vibo, è in completo stato di abbandono, gli studenti e le macchine devono fare la gincana per poter raggiungere l’ingresso degli istituti. Una strada che non ha le dimensioni adeguate, priva di cunette, priva di illuminazione, sterpaglie dove i topi ed i serpenti la fanno da padroni e che si trasforma in un fiume di fango quando comincia a scendere, anche solo per poco tempo, qualche goccia di pioggia. La cosa più grave è la mancanza di marciapiedi per i pedoni. Il manto stradale è senza asfalto, con enormi voragini, dove è facile finirci dentro con le auto e se si volesse percorrere quel tratto di strada a piedi (come fanno ogni giorno centinaia di studenti) si è costretti ad attraversare un vero e proprio pantano e non basterebbe indossare stivali in gomma». La Gamba fa presente come «si è segnalato più volte agli amministratori comunali e provinciali quanto sia grande, sempre più crescente, il degrado di questa strada ma non abbiamo mai avuto nessun riscontro ed interesse, ancora oggi è oggetto di indifferenza e disaffezione da parte degli attuali amministratori, li sfido a percorrere quel tratto di strada a piedi e magari durante l’uscita delle scuole e con le condizioni in cui versa la strada, è facile ritrovarsi coinvolti in un grave incidente. Per questo motivo invito i responsabili, nell’ambito delle precipue competenze e responsabilità, a porre in essere ogni provvedimento necessario a garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini e di tutta la comunità scolastica che ogni giorno percorre quella strada». 

Informazione pubblicitaria