Crisi al Comune di Vibo, Gelanzè: «Discussione sul nulla, la Lega sarà alternativa»

La componente del comitato cittadino del partito salviniano boccia lo stallo amministrativo «frutto di inconsistenza e consociativismo» e lancia la sfida «pronti a metterci in gioco»

La componente del comitato cittadino del partito salviniano boccia lo stallo amministrativo «frutto di inconsistenza e consociativismo» e lancia la sfida «pronti a metterci in gioco»

Informazione pubblicitaria
Il coordinamento vibonese della Lega
Informazione pubblicitaria

«Il carosello dei personaggi che affollano la politica si esibisce agli occhi dei suoi cittadini, in evoluzioni che definire solo rapide e sconcertanti, è semplicistico… E le difficoltà rimangono irrisolte o ingigantite. I problemi sono tutti là, ma non è di quelli che la politica parla. Le situazioni che rendono la città lo spettro di se stessa non sono argomento dei partiti, interessati a organizzare confronti e a condurre battaglie per conservare strenuamente le poltrone conquistate». È quanto afferma in un comunicato stampa la componente del coordinamento cittadino della Lega Salvini premier Cesella Gelanzè commentando l’attuale situazione politica al Comune di Vibo Valentia, dove il sindaco ha azzerato l’esecutivo e si appresta a varare una “giunta tecnica”, e dove il consiglio comunale nonostante le dichiarazioni d’intenti non è stato in grado di dare seguito alle minacce di sfiducia al primo cittadino. «La Lega – spiega Gelanzè – non è partecipe di questo teatrino. Gli interessi dei cittadini sono il primo punto del suo programma, a qualsiasi livello si faccia riferimento e per questo mi ci sono, di buon grado, ritrovata. Le poltrone non costituiscono il prologo di un abboccamento per la richiesta di un ingresso in essa, i politici di carriera non vi trovano una strada soft. La strada è il palcoscenico su cui lavorare, a fianco e per la gente. La professionalità ai vari livelli è quello che viene richiesto, insieme ad una inesauribile disponibilità. Come potrebbe essere partecipe, dunque, la Lega di una discussione sul nulla…?». 

Informazione pubblicitaria

Gelanzè motiva la sua affermazione elencando le ragioni per i quali l’attuale situazione politica non è da ritenersi credibile per la Lega. «Il nulla – argomento – è l’avanzamento di richiesta di dimissioni ad un sindaco che di dimettersi ha già ampiamente dimostrato non voler sentir parlare. Il nulla è ascoltare quello che solo grottescamente può definirsi un programma di fine legislatura, se a ben vedere se ne leggono i punti che rimangono nel vago e tra i quali spicca per inconsistenza e vaghezza quel che attiene uno dei principali problemi che è quello della raccolta dei rifiuti solidi urbani. Il nulla è sentir parlare tra le pagine del programma, di questa città relegata all’ultimo posto delle classifiche per qualità della vita e al primo posto per delinquenza, come di una città dove la cultura albergherebbe e il benessere sarebbe testimoniato dalla movida del sabato sera. Il nulla è l’estraniarsi della maggioranza da una presa di posizione chiara, netta e determinata che imponga finalmente al sindaco il corso da seguire con le soluzioni adeguate o lo inviti a lasciare, usando i mezzi che la legge e il buon senso suggerirebbero. Il nulla è l’opposizione, che dice di voler far cadere questa amministrazione, ma non lascia, perché tante le occasioni presentatele e altrettante le fughe, e dunque facendo ricordare il consociativismo di antica memoria». Per l’esponente ex Forza Italia «la cittadinanza merita altro e la politica deve esserne al servizio: è il filo conduttore dell’azione che la Lega già svolge là dove governa. Ed è l’auspicio che anche il Sud ne venga contaminato in tutti i risvolti drammatici che segnano la differenza tra due parti che sono della stessa nazione. Analizzeremo con attenzione e proporremo le soluzioni adatte alle problematiche che attanagliano questa città. Per far ciò inviteremo coloro che vorranno partecipare al lavoro di risoluzione, sulla base qualitativa che ognuno potrà offrire. Il più piccolo contributo sarà prezioso per quella che costituirà un’orchestra ben affiatata». 

LEGGI ANCHECrisi al Comune di Vibo, Barbuto: «Basta con le chiacchiere di bottega»

Insardà: «Amministrazione tenuta in vita per pagare stipendi ai consiglieri»

Il corsivo | Dalla giunta tecnica al “governissimo”, a Vibo va in scena la commedia degli orrori – Video

Crisi al Comune di Vibo, il sindaco Elio Costa azzera la Giunta

Crisi al Comune di Vibo, Console (Udc): «A Costa servono i numeri ma come fa a chiederli al Pd?»