Tributi comunali a Zambrone, stop alle rateizzazioni dall’1 gennaio

Il consiglio comunale ha poi approvato il Regolamento sugli scarichi fognari e licenziato il subentro alla Regione nella gestione del conferimento in discarica dei rifiuti

Il consiglio comunale ha poi approvato il Regolamento sugli scarichi fognari e licenziato il subentro alla Regione nella gestione del conferimento in discarica dei rifiuti

Informazione pubblicitaria
Il Comune di Zambrone
Informazione pubblicitaria

Decisioni rilevanti per la seduta consiliare svoltasi ieri al Comune di Zambrone. In merito al primo punto all’ordine del giorno, avente ad oggetto il subentro alla Regione Calabria nella gestione dei rifiuti urbani, è intervenuto il vicesindaco Domenico Muggeri che ha relazionato su tutti gli aspetti relativi alla complessa vicenda ed ha concluso affermando: «Il passaggio contenuto nella presente delibera è inderogabile; tuttavia, la strada per la risoluzione della problematica appare tutt’altro che semplice». Lo stesso vicesindaco è anche intervenuto sull’approvazione del Regolamento comunale per la disciplina degli scarichi in pubblica fognatura, dichiarando: «Il regolamento pensato avrà indubbi effetti positivi sotto il profilo ambientale e offrirà, all’Ufficio tecnico uno strumento per rimanere nel solco della legalità coniugata all’efficienza». Per l’approvazione del bando della graduatoria Erp è invece intervenuto l’assessore Antonella Grillo che ha puntualizzato: «Trattasi di un adempimento di natura formale e inderogabile. A tale proposito, in questa occasione, giova comunque ricordare che è in itinere un concorso per l’assegnazione di alcuni alloggi popolari in attesa di essere concluso, mediante graduatoria definitiva». Sulla riforma del regolamento delle rateizzazioni, in realtà, si tratta di una deliberata sua sostanziale inefficacia con riferimento alle nuove situazione creditorie che andranno a maturare a favore dei Comuni. Il sindaco, Corrado L’Andolina in un intervento dettagliato e di ampio respiro ha dichiarato: «In merito alla riforma oggetto della presente deliberazione, si sottolinea che la rateizzazione non potrà più operare solo ed esclusivamente coi tributi e con le tasse maturande a decorrere dall’1 gennaio 2019». Vengono fatte salve, in sostanza, le rateizzazioni già in corso e quelle in itinere per le situazioni debitorie maturate al 31 dicembre 2018. Una vera e propria rivoluzione, dettata, fra l’altro, anche dalla necessità di continuare ad evitare anticipazioni di cassa non più sostenibili per gli enti locali. Infine, le comunicazioni del sindaco che si è soffermato, in modo particolare, sulla realizzazione della nuova libreria per la biblioteca civica; sulla solidarietà espressa per il deprecabile episodio delle pietre d’inciampo divelte a Roma un paio di settimane addietro (letta in aula consiliare anche la lettera di  ringraziamento della presidente della Comunità Ebraica di Roma, Ruth Dureghello); sulla partecipazione al bando “Sport e periferie” che punta a un’ambiziosa riqualificazione della struttura sportiva presente nel centro abitato di San Giovanni.

Informazione pubblicitaria