Primarie Pd, a Filadelfia la mozione Martina si riscatta con il 78 per cento

Secondo il segretario cittadino dei dem, Rondinelli, il risultato rappresenta «l’affermazione di una visione che intende rinnovare profondamente il modo di costruire ruoli e competenze»  

Secondo il segretario cittadino dei dem, Rondinelli, il risultato rappresenta «l’affermazione di una visione che intende rinnovare profondamente il modo di costruire ruoli e competenze»  

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Non c’è solo il dato relativo alla larga affermazione di Nicola Zingaretti a contrassegnare l’esito delle primarie per la scelta del segretario nazionale del Partito democratico nel Vibonese. Tra i risultati da segnalare vi è anche l’affermazione della “mozione Martina” in una particolare sezione della provincia, dove l’ex segretario-reggente del partito ha ottenuto una percentuale tra le più alte a livello nazionale, pari al 78 per cento, con 482 voti. La sezione è quella di Filadelfia e a mettere in evidenza il successo del candidato dell’area renziana è il segretario cittadino del Pd Vito Rondinelli. «La nostra ambizione oggi – afferma – è quella di veicolare il messaggio che la valorizzazione delle diverse sensibilità, realmente protese al cambiamento, costituiscono la forza per governare la complessità dei fenomeni del nostro tempo. La partecipazione del consigliere provinciale del Pd e vicesindaco della stessa comunità, Antonio Carchedi, alla competizione per l’assemblea nazionale, dimostra non solo la grande capacità di attrarre consensi, ma soprattutto il riconoscimento di un partito che costituisce ancora una risorsa per la democrazia». Le primarie del Pd, per Rondinelli, evidenziano «il desiderio di partecipazione che i cittadini hanno voluto manifestare con un’affluenza massiccia. L’evento può considerarsi una festa della democrazia. Ciò dimostra che una cultura politica di matrice democratica è ancora ben radicata e non può essere liquidata con analisi affrettate. Il 3 marzo un popolo ben consapevole si è mosso con straordinario entusiasmo per indicare che un nuovo cammino è possibile. Il segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti, è stato eletto da un grande concorso di popolo. In una situazione generale complicata sia dalle difficoltà organizzative interne al partito che dal pericolo di semplificazioni razziste, di chiusura e di involuzione culturale, il voto popolare, sulla scia del trend nazionale, indica che la democrazia è un valore che si alimenta e cresce nelle relazioni umane concrete e nella mediazione costruttiva». Ancora, per il segretario dem: «Questo valore deve essere ora tradotto in una politica capace di fare sintesi valorizzando la pluralità di risorse che spesso sono state mortificate per una distorta interpretazione della funzione di leadership. Lo straordinario risultato della lista “Calabria per Martina”, con ben 482 preferenze su 617, non è la dimostrazione di una prova di forza, ma l’affermazione di una visione che intende rinnovare profondamente il modo di costruire ruoli e competenze. Un metodo che, possiamo dire, è stato interpretato con grande rispetto e con la consapevolezza che i risultati di prospettiva e durata si costruiscono nel pluralismo». 

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEPrimarie Pd, nel Vibonese è plebiscito per la lista Calabria con Zingaretti

Primarie Pd, dati definitivi: ecco la geografia politica del Vibonese