sabato,Novembre 27 2021

Comune Vibo, Soriano (Pd) denuncia: «Pochi dipendenti e servizi fermi»

L’esponente dem sulla carenza di personale: «In due anni di amministrazione Limardo nessuno ha pensato ad una strategia per colmare i posti rimasti vacanti. Così l’ente inizia a non garantire più i servizi essenziali»

Comune Vibo, Soriano (Pd) denuncia: «Pochi dipendenti e servizi fermi»

«Da quanto è emerso nell’ultima seduta di question time l’amministrazione è bloccata per colpa della mancanza di personale. Eppure non meno di un mese fa in un’altra seduta, l’assessore Primerano aveva relazionato sostenendo che con il personale in essere all’Ente si stanno riuscendo a coprire tutti i servizi». Questa l’analisi di Stefano Soriano, consigliere del partito democratico al Comune di Vibo Valentia.

A giudizio dell’esponente dem «la realtà è diversa. I dipendenti comunali – scrive – sono troppo pochi e sovraccarichi di lavoro e la macchina comunale non funziona non perché i dipendenti non lavorano ma perché in poco più di due anni di amministrazione Limardo il personale si è ridotto (per pensionamento) senza che nessuno pensasse ad una strategia alternativa per sopperire a quanti stavano andando via».

Comune di Vibo

Per Soriano «l’Amministrazione Comunale anzi si è mossa in senso esattamente contrario ovvero ha  utilizzato- nel predisporre il piano di riequilibrio- risorse che derivavano dal pensionamento del personale dell’Ente senza pensare che poi non avrebbe più avuto quelle risorse per coprire i posti vacanti gettando cosi il Comune nel caos. Tale circostanza è stata confermata anche ieri dall’assessore Primerano».

Pertanto «al question time abbiamo presentato come gruppo del Partito democratico un’interrogazione che chiedeva come mai il Comune non si rivolgesse alla Regione Calabria per chiedere l’assegnazione dei precari storici della Regione Calabria magari concordando unitamente a Regione e Ministero della Pa un percorso di stabilizzazione dei precari che tra l’altro è già in discussione alla Regione da tanto».

Il sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo

Tuttavia «le risposte anche ieri non sono state precise e molto vaghe e questo è ancora più grave se si pensa che in questo momento tanto la Regione Calabria che il Ministero della Pa sono occupati da esponenti di Forza Italia con cui si presume che il sindaco e questa Amministrazione abbiamo un dialogo più facile e veloce. In passato ed in periodo di pandemia ricordo gli attacchi dell’amministrazione Limardo al Pd reo di non sbloccare misure che aiutassero la Pubblica amministrazione. Oggi che il Ministero è occupato da un esponente di Forza Italia – si chiede Soriano – perché il sindaco non utilizza la stessa forza per chiedere aiuto per un Ente, quale il Comune di Vibo, che inizia a non garantire i servizi essenziali e come si è visto ieri nel question time non riesce a fornire i servizi per le persone disabili o più bisognose?».

Per l’esponente dem si tratta di una emergenza che richiede subito risposte: «Il Partito democratico – conclude – non resterà a guardare mentre la citta va a rotoli ed insieme ai dirigenti locali, provinciali e regionali porteremo le nostre istanze al Partito democratico nazionale affinchè Vibo possa continuare a vivere e non cadere sotto i colpi dei proclami delle peggiore destra degli ultimi anni».

Articoli correlati

top