Soriano, Bartone replica a… Bartone: «Da lui solo fumo negli occhi»

Il primo cittadino ribatte allo sfidante e boccia la raccolta firme per la riapertura della scuola primaria e la riattivazione dello scuolabus: «Proposte senza senso. Per gestire il Comune ci vuole serietà»

Il primo cittadino ribatte allo sfidante e boccia la raccolta firme per la riapertura della scuola primaria e la riattivazione dello scuolabus: «Proposte senza senso. Per gestire il Comune ci vuole serietà»

Informazione pubblicitaria
Francesco Bartone
Informazione pubblicitaria

«Una “petizione” per la raccolta firme tutta pretestuosa, quella che ha promosso per i prossimi giorni il gruppo elettoralistico “Rinascita sorianese” con il solo scopo di gettare fumo negli occhi ai cittadini di Soriano». Il sindaco del piccolo borgo vibonese, in corsa per la riconquista del Palazzo Municipale, replica all’avversario Vincenzo Bartone, nei scorsi giorni sceso in piazza con un’iniziativa elettorale nel corso della quale, tra le altre cose, è stata lanciata una raccolta firme per la riapertura della scuola primaria e la riattivazione del servizio scuolabus. «Ci si chiede – afferma Bartone – la riapertura dell’edificio della scuola elementare senza alcuna motivazione seria e valida, giusto per far vedere che “si affrontano i presunti problemi ”, ma non sanno o forse fanno finta di non sapere che uno dei problemi delle scuole, compresa quella sorianese, è la mancanza di alunni. L’anno scorso è stato ristrutturato l’edificio della scuola media e messo a norma dal punto di vista della sicurezza e soprattutto dal punto di vista sismico. Un edificio questo che risulta tra i pochi a norma di legge dell’intera provincia di Vibo Valentia». Per il sindaco «la scuola elementare e quella media, proprio per quanto detto, sono ospitate in un unico edifico da poco riammodernato e sicuro; al pian terreno sono allocate la scuola elementare e al primo piano la media. Risultano sia al piano terra che al primo piano, poi, alcune aule libere non utilizzate proprio per mancanza di alunni, per cui non capiamo perché s’insiste insensatamente all’utilizzo di due diversi edifici e sprecare denaro pubblico per gestione, energia elettrica, riscaldamento quando si sta comodamente in un edificio a norma di legge». Bartone, poi, replica anche sulla questione scuolabus. «È vero che attualmente non è assicurato il servizio – ammette Bartone -, e vero è che l’autoveicolo, da poco ottenuto grazie a un finanziamento, attende ancora il nulla osta della Regione per essere immesso in circolazione. Si deve  rispettare la legge o rischiare il sequestro come è avvenuto da poco in comune della provincia di Vibo Valentia? – si chiede il primo cittadino -. Il servizio scuolabus sicuramente superata la burocrazia sarà riattivato per il prossimo anno scolastico. La gestione della cosa pubblica è una cosa seria – conclude -, si deve amministrare con oculatezza come si amministra una propria famiglia e non per pretesti».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHESoriano, Vincenzo Bartone avvia petizione per scuola primaria e scuolabus