Giovani Udc Calabria, Martino commissaria il coordinamento regionale

Il coordinatore nazionale del movimento giovanile punta ad una «riorganizzazione capillare che possa andare incontro alle esigenze dei territori». Sullo sfondo le elezioni regionali che lo vedranno in prima linea 

Il coordinatore nazionale del movimento giovanile punta ad una «riorganizzazione capillare che possa andare incontro alle esigenze dei territori». Sullo sfondo le elezioni regionali che lo vedranno in prima linea 

Informazione pubblicitaria
Marco Martino
Informazione pubblicitaria

«Ci accingiamo ad affrontare una nuova fase politica, soprattutto in Calabria, in vista delle elezioni europee e successivamente delle elezioni regionali quali potenziale fattore di crescita e di sviluppo di una terra martoriata ed assopita dall’incuria e dall’incapacità. Come Giovani Udc intendiamo offrire uno spunto nuovo, di coerenza e d’interesse comune ai problemi dei cittadini, partendo da un’azione di ramificazione capillare ed adeguata alle esigente di tutti quegli amministratori e simpatizzanti che chiedono maggiore presenza e vicinanza. Ecco perché, di comune accordo con il segretario regionale Francesco Talarico ed i dirigenti di partito, ho deciso di commissariare il movimento giovanile regionale dell’Udc calabrese». A riferirlo in una nota è il coordinatore nazionale dei Giovani Udc e sindaco di Capistrano Marco Martino. «In questo momento così delicato – prosegue – mi preoccuperò personalmente di intraprendere una serie di incontri mirati alla ricostruzione del movimento in tutte le province calabresi, nominando i commissari provinciali ove non ve ne sia presenza ed incontrando tutti quegli amministratori giovani che vogliono intraprendere un percorso politico alternativo che si affianchi ai valori moderati della chiesa e della famiglia». Quella che Martino ha in mente è «una politica di vicinanza alle esigenze territoriali che sono convinto costruiremo tutti insieme traghettando poi il movimento ad un congresso regionale vero e proprio che possa vedere l’elezione diretta e non la nomina del futuro segretario regionale giovanile. Mi metterò da subito a lavoro mirando ad una riorganizzazione capillare, fatta di giovani credibili e che abbiamo reale voglia di fare. Ringrazio i segretari provinciali giovanili di Reggio Calabria, Crotone e Catanzaro che rimanendo in carica continueranno a collaborare per la riuscita di questo importante progetto».

Informazione pubblicitaria