Città e università, candidati sindaco a confronto all’Istituto di Criminologia di Vibo

All’incontro, voluto dal rettore Saverio Fortunato, saranno presenti anche alcuni docenti universitari. Prevista la consegna di un percorso Braille in inglese al Museo Capialbi 

All’incontro, voluto dal rettore Saverio Fortunato, saranno presenti anche alcuni docenti universitari. Prevista la consegna di un percorso Braille in inglese al Museo Capialbi 

Informazione pubblicitaria
L'interno di Palazzo Gagliardi a Vibo
Informazione pubblicitaria

Lunedì 29 aprile, alle ore 16, l’Aula magna dell’Istituto italiano di Criminologia degli studi di Vibo Valentia, ospiterà il symposium sul tema “Università e città”. All’importante appuntamento parteciperanno i candidati alla carica di sindaco della città di Vibo Valentia: Francesco Belsito, Maria Limardo, Stefano Luciano e Domenico Santoro. All’evento, fortemente voluto dal professor Saverio Fortunato, specialista in criminologia clinica e rettore dell’istituto vibonese, saranno inoltre presenti alcuni docenti della facoltà di Scienze della mediazione linguistica indirizzo criminologia e intelligence, tra questi il professor Fabiano Zinzone, docente di Intelligence I (Generale Nato), il professor Marco Cagnazzo, docente di Intelligence II (Colonnello Nato), il professor Mario Benvenuto (docente associato di lingua spagnola), gli studenti iscritti al primo e al secondo anno, collaboratori ed assistenti dell’Istituto di Criminologia. «L’incontro – si legge in una nota – si prefigge di sviluppare alcune tematiche inerenti il rapporto tra città da una parte e università dall’altra, per stabilire in che modo l’una ha necessità dell’altra». Secondo il rettore Fortunato, «Vibo non può seguitare a mandare i propri giovani a laurearsi al Nord perché poi abbandonano definitivamente la residenza e si trasferiscono dove hanno studiato e la città si spopola e invecchia. Con l’Istituto italiano di Criminologia abbiamo iniziato a invertire la rotta: non solo le famiglie calabresi possono far studiare a Vibo i loro figli, ma sono i forestieri, che da tutta Italia vengono a Vibo per studiare seriamente la Criminologia e l’Intelligence». Durante il symposium il professor Saverio Fortunato consegnerà in dono al Museo Nazionale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia, nella persona della direttrice Adele Bonofiglio, un percorso Braille in lingua inglese

Informazione pubblicitaria