Comunali a Vibo, ecco i voti di preferenza e la composizione del nuovo Consiglio

Dati quasi definitivi (manca una sola sezione) e si delinea la composizione del nuovo emiciclo. L’assetto potrebbe variare con i voti della sezione mancante situata a Piscopio

Dati quasi definitivi (manca una sola sezione) e si delinea la composizione del nuovo emiciclo. L’assetto potrebbe variare con i voti della sezione mancante situata a Piscopio

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si delinea in larga misura la composizione del nuovo consiglio comunale di Vibo Valentia in seguito alle consultazioni di domenica 26 maggio. In base al calcolo dei seggi spettanti alle diverse liste in campo e ai voti di preferenza ottenuti dai singoli candidati, il quadro si è andato componendo assegnando 20 seggi alla coalizione vincente guidata dal neo primo cittadino Maria Limardo (più quello del sindaco), 8 alla coalizione Nuove prospettive di Stefano Luciano, più quello spettante al capolista, uno alla lista del Movimento cinque stelle, più quello appannaggio del candidato sindaco Domenico Santoro. Nessun seggio alla lista Fare capitanata da Francesco Belsito. Il dato è però ancora parziale, mancando all’appello una sezione, la n. 9 situata a Piscopio. Sezione che potrebbe determinare il destino di alcuni candidati, come ad esempio Giuseppe Cutrullà (Città futura), Stefano Soriano (Pd) o Pietro Comito (Concretezza). Per ciò che attiene la ripartizione dei seggi per lista, a fare la parte del leone nel centrodestra è la lista di Forza Italia messa in piedi dal senatore Giuseppe Mangialavori che allo stato porta in Consiglio 6 rappresentanti Zelia Fusino (277), Rino Putrino (272), Agostino Naso (270), Maria Corrado (269), Giuseppe Muratore (250 voti), Giusy Colloca (247). A seguire, con 5 eletti, la lista Città Futura che elegge, allo stato, Gerlando Termini (298), Danilo Tucci (294), Stefania Ursida (289), Antonino Roschetti (247), Antonella Massaria (228). Due nella lista Per Vibo con Vibo (Udc): Nico Console (267) e Elisa Fatelli (170). Altrettanto con Forza Porto Santa Venere: Lorenzo Lombardo (219), Giuseppe Calabria (217). Tanti quanti per la lista Rinasci Vibo i cui primi eletti sono Raffaele Iorfida (283) ed Anthony Lo Bianco (243). Due anche per Fratelli d’Italia con Antonio Schiavello (314) il più votato, seguito da Valentina Pugliese (216). Con Vibo Valentia da vivere rientra in Consiglio l’ex assessore Lorenza Scrugli (200). Liberi e forti elegge Paola Cataudella (218). 

Informazione pubblicitaria

All’opposizione siederanno, allo stato, oltre al capolista Stefano Luciano, tre eletti della lista Vibo Unica: Alfredo Lo Bianco (305), Giuseppe Russo (267) e Giuseppe Policaro (259). Tre eletti anche nella lista del Pd. I più votati sono Azzurra Arena (246), Marco Miceli (228), Ketty De Luca (180). Quindi la lista Concretezza elegge Eugenio Penna (187) e la lista Vibo Prima di tutto che fa rientrare in consiglio l’esponente dei Progressisti di Lo Schiavo Loredana Pilegi. Per il Movimento 5 Stelle, oltre al candidato sindaco Domenico Santoro, risulta allo stato eletta – quando manca ancora all’appello la sezione n. 9 di Piscopio – Luisa Santoro.  Di seguito il quadro relativo alle 36 sezioni i cui dati sono stati acquisiti, in rosso i consiglieri allo stato eletti: 

COALIZIONE CENTRODESTRA PER MARIA LIMARDO: 

COALIZIONE NUOVE PROSPETTIVE CON STEFANO LUCIANO: 

MOVIMENTO CINQUE STELLE E FARE: 

LEGGI ANCHEComunali a Vibo, ecco i “papabili” per un posto in Consiglio

Comunali Vibo, ripartiti i seggi. Sbancano Forza Italia e Città futura

Maria Limardo nella storia: un trionfo per il primo sindaco donna. Forza Italia lista trascinatrice

Maria Limardo sindaco di Vibo, Mangialavori: «Ora si apra stagione di stabilità e buongoverno»