Bilancio comunale, la Limardo: «Non immaginavo una situazione così drammatica»

Il neo sindaco ha preso atto dello stato finanziario a seguito della verifica straordinaria di cassa. Sono oltre 10 milioni i fondi vincolati da ricostituire

Il neo sindaco ha preso atto dello stato finanziario a seguito della verifica straordinaria di cassa. Sono oltre 10 milioni i fondi vincolati da ricostituire

Informazione pubblicitaria

Un impatto più duro del previsto con una situazione più complicata del previsto. Maria Limardo, il giorno dopo il suo insediamento a Palazzo Luigi Razza, ha operato una verifica straordinaria di cassa, come previsto dal Tuel. Alle operazioni di verifica intervengono gli amministratori che cessano dalla carica e coloro che l’assumono, quindi il commissario Giuseppe Guetta e la Limardo, nonché il segretario generale del Comune Giuseppe Piccoli, il responsabile del servizio finanziario Adriana Teti, l’organo di revisione dell’ente (Rosario Munizza, Giuseppe Ruoppolo e Annunziato Nastasi) ed i responsabili del servizio di tesoreria comunale (affidato in gestione a Ubi banca). «La verifica straordinaria di cassa – si legge in una nota diramata dal primo cittadino – fotografa la situazione di cassa del Comune al momento del passaggio di consegne: la verifica effettuata ieri fa riferimento alla situazione di cassa al 31 maggio, come risultante dalla contabilità del Comune e da quella del Tesoriere, accertando la rispondenza di dati tra le due. Il documento firmato ieri attesta al 31 maggio un fondo di cassa ammontante a 9.897.141,20 euro, somma interamente vincolata dal Tesoriere, a fronte di una consistenza dei fondi vincolati alla data del 31 maggio pari a 20.752.763,39 euro. Pertanto alla data odierna i fondi vincolati da ricostituire ammontano a 10.855.622,19 euro». 

In parole povere il sindaco subentra «in una situazione di cassa non pari a 0 ma con un deficit di cassa superiore a 10 milioni di euro». La Limardo, prosegue la nota, «pur a conoscenza delle notevoli difficoltà finanziarie dell’Ente non immaginava di prendere in carico un’eredità così pesante. Di fatto la nuova amministrazione non parte da zero ma da sotto zero. Tutto ciò, tuttavia, non scoraggia l’azione amministrativa della nuova compagine amministrativa. E da subito il neosindaco si è attivato per promuovere incontri con il personale comunale ed esperti per mettere mano alla difficile situazione finanziaria». La nota stampa – fa sapere la diretta interessata – viene diramata «per fornire dati chiari e precisi ai cittadini di Vibo Valentia che numerosi mi hanno accordato la fiducia. E come più volte dichiarato in campagna elettorale il primo obiettivo della nuova amministrazione comunale è quello di mettere in sicurezza le finanze pubbliche e nello stesso tempo fornire dati finanziari precisi alla comunità al fine di rendere di dominio pubblico la reale situazione finanziaria della città di Vibo Valentia».