Nicotera, il Pd replica a D’Agostino: «Lettura del voto fuorviante»

Il segretario cittadino Manuel Reggio contesta le accuse del candidato sindaco di Movi@Vento: «Dei semplici auguri scambiati per appoggio politico»

Il segretario cittadino Manuel Reggio contesta le accuse del candidato sindaco di Movi@Vento: «Dei semplici auguri scambiati per appoggio politico»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Un’analisi «sbagliata e autoassolutoria». È questo il giudizio di Manuel Reggio, segretario cittadino del Pd di Nicotera, in merito alle considerazioni fatte all’indomani del voto del 26 maggio da Antonio D’Agostino, uno dei candidati sindaco nella cittadina tirrenica, che aveva “accusato” Reggio di aver messo il “cappello” sulla vittoria del sindaco Pino Marasco. «C’è da dire che il Pd, nella sua espressione del segretario e di tutti gli iscritti e simpatizzanti, non ha messo alcun sigillo sulla vittoria di Marasco perché non ha alcuna impronta da rivendicare e nessun premio da conseguire. Le congratulazioni espresse in modo pubblico e trasparente al sindaco sono il segno di civismo che ci appartiene e sono un atto di rispetto alla scelta della mia e nostra gente, espressa democraticamente con l’esercizio del voto». 

Informazione pubblicitaria

Per quanto riguarda l’indicazione di voto espressa dal circolo Pd di Nicotera, per il segretario «esiste un atto ufficiale del direttivo che è stato reso pubblico oltre che partecipato agli iscritti e simpatizzanti datato 25/4/2019 in cui si comunicava la non presenza di candidature direttamente espresse dal Partito democratico nella tornata elettorale per le comunali», lasciando una scelta secondo coscienza ai propri iscritti.

«La spiegazione della sconfitta che D’Agostino confina soltanto alle due frazioni di Comerconi e Badia – aggiunge ancora Reggio – risulta, dati alla mano, molto impropria anzi addirittura distorta rispetto alla realtà perché la lista Marasco si afferma nei seggi numero 2, 3 e 4 di Nicotera centro e risulta essere prima in tutto il capoluogo con 884 voti. Al capoluogo, poi, si aggiungono le frazioni di Comerconi e Badia, un quasi pari di Preitoni per una differenza di 5 voti, ed anche nella frazione Marina la lista Marasco riceve 233 voti contro i 390 della lista D’Agostino, che si aspettava molto di più. Questo è il quadro esatto della distribuzione del voto. Non sappiamo quali risultati avesse, invece, di fronte nell’intervista il candidato D’Agostino. La colpa è sempre degli altri…».