Vibo, Fratelli (coltelli) d’Italia cerca la quadra sull’assessore

Oggi arriva in città anche il segretario regionale Ernesto Rapani. Il duello si gioca sul peso delle due correnti politiche che spaccano il partito. Salgono le quotazioni di un ingegnere 

Oggi arriva in città anche il segretario regionale Ernesto Rapani. Il duello si gioca sul peso delle due correnti politiche che spaccano il partito. Salgono le quotazioni di un ingegnere 

Informazione pubblicitaria

La riunione decisiva è fissata per questo pomeriggio. Fratelli d’Italia, il partito dei fratelli coltelli, è chiamato ad esprimere un nome da consegnare al sindaco di Vibo Valentia Maria Limardo per completare la giunta comunale. Alla riunione si arriva dopo la spaccatura delle scorse settimane proprio sul metodo e sul merito adottati da una parte del partito, quella che fa capo al commissario provinciale Antonello Fuscà, il quale aveva partecipato alle riunioni sulla definizione dell’esecutivo proponendo sostanzialmente sé stesso o, in subordine, pare, nomi improponibili; improponibili – è bene chiarire – perché andavano contro i criteri sanciti dalla Limardo, come quello di scegliere un consigliere comunale eletto.

Ebbene, questo pomeriggio, nella sede di Fdi, a dirimere la questione è stato chiamato direttamente il segretario regionale Ernesto Rapani. Intorno a lui ci saranno il commissario cittadino Raffaele Anello ed il dirigente nazionale Pasquale La Gamba, affiancati dal consigliere Antonio Curello; sull’altra “sponda” della barricata il commissario provinciale Fuscà ed al suo fianco l’altro consigliere Antonio Schiavello, che fa capo al consigliere regionale Vincenzo Pasqua

Le tensioni che da sempre serpeggiano nel partito nei giorni scorsi sono diventate plateali con un comunicato di fuoco firmato proprio dal trio Anello-La Gamba-Curello, che attaccava duramente la controparte di fare i propri interessi senza tenere nella dovuta considerazione il coordinamento cittadino. Oggi, dunque, bisognerà tirare fuori i nomi. Ognuno è prevedibile che farà il suo, almeno tre devono essere consegnati al sindaco Limardo. Ma ad avere un certo peso nella scelta ci sarà un grande assente, Francesco De Nisi. L’ex presidente della Provincia di Vibo, vicino alla deputata Wanda Ferro ed al coordinamento cittadino, starebbe spingendo per far entrare in giunta Gioele Pelaggi, ingegnere, già consigliere comunale del Pd durante l’amministrazione Nicola D’Agostino ma in precedenza centrista e consigliere in maggioranze di centrodestra. Però non sono escluse sorprese. Non lo sono affatto.

LEGGI ANCHEVibo, si parte con una Giunta ad otto assessori – Video

Vibo, scontri interni e rinunce: la Giunta comunale diventa un caso – Video