Comune Vibo, eletti i vertici delle commissioni. Nuova spaccatura nell’opposizione

Confermate le anticipazioni sui presidenti ed i vice della maggioranza. Minoranza ancora frammentata, col Pd che attacca i colleghi: «Dovreste passare dall’altra parte»

Confermate le anticipazioni sui presidenti ed i vice della maggioranza. Minoranza ancora frammentata, col Pd che attacca i colleghi: «Dovreste passare dall’altra parte»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Tutto come previsto. Sia nella maggioranza che nell’opposizione, con una parte di quest’ultima che continua a restare a bocca asciutta. I consiglieri comunali di Vibo Valentia si sono riuniti questa mattina per eleggere i presidenti ed i relativi vice delle cinque commissioni consiliari. Dopo una riunione di maggioranza della scorsa settimana, gli stessi avevano già designato i vertici, che sono stati confermati: la prima commissione, Bilancio, sarà presieduta da Nico Console (vice Raffaele Iorfida); la seconda, Urbanistica, da Maria Carmosina Corrado (vice Gerlando Termini); la terza, Lavori pubblici, da Serena Lo Schiavo (vice Paola Cataudella); la quarta, Politiche sociali, da Lorenza Scrugli (vice Antonio Curello). L’ultima commissione, quella di Controllo e garanzia, che come di consueto spetta alla minoranza, è andata Pietro Comito, con vice Loredana Pilegi

Informazione pubblicitaria

Su quest’ultimo punto si è consumato l’ennesimo strappo all’interno della stessa opposizione, ormai spaccata in due blocchi che all’occorrenza diventano anche tre. Il primo è costituito dal trio Comito-Pilegi-Policaro, il secondo dal Partito democratico che, in qualche occasione, si aggrega a quello del Movimento 5 Stelle. Sulla quinta commissione, già dal primo consiglio comunale, i 5 Stelle avevano proposto la candidatura di Luisa Santoro. Candidatura oggi bocciata dai consiglieri-commissari: la maggioranza, insieme ai tre d’opposizione, ha invece puntato su Comito, su proposta di Policaro, lasciando ancora una volta a bocca asciutta Pd e M5S. Sul punto è scoppiata una aspra polemica, con Alfredo Lo Bianco (Pd) che ha provocatoriamente invitato i tre colleghi di minoranza a transitare in maggioranza, data la convergenza sulle votazioni. Policaro ha risposto, anche a mezzo stampa, che «la proposta dei 5 stelle era irricevibile (proveniva da Santoro Domenico che non è membro della V commissione) e poi sarebbe stata una auto proposta la cui autoreferenzialità politicamente è inaccettabile. L’opposizione – ha chiosato il vicepresidente del consiglio – deve essere fatta a mio giudizio così come prevista dal testo unico enti locali: mozioni, interrogazioni ed ordini del giorno».

LEGGI ANCHEComune Vibo, la maggioranza si divide le ultime “poltrone”