Provincia di Vibo: Tucci, Nesci e Solano incontrano il viceministro Laura Castelli – Video

Dopo l’approvazione dell’ordine del giorno nel decreto Crescita, nuovi spiragli s’intravedono all’orizzonte per il bilancio dell’ente intermedio vibonese 

Dopo l’approvazione dell’ordine del giorno nel decreto Crescita, nuovi spiragli s’intravedono all’orizzonte per il bilancio dell’ente intermedio vibonese 

Informazione pubblicitaria

«Siamo soddisfatti dell’incontro che si è tenuto oggi al Mef insieme al viceministro Laura Castelli che si è confrontata proficuamente con noi, con il presidente della Provincia di Vibo Salvatore Solano e con i suoi tecnici: il segretario dell’Ente Mario Ientile e la funzionaria Caterina Gambino». È quanto dichiarano in una nota congiunta i deputati del Movimento 5 Stelle Riccardo Tucci e Dalila Nesci. «S’intravedono, dunque – spiegano -, spiragli di luce per la Provincia di Vibo Valentia. Nel corso dell’incontro – proseguono i parlamentari Tucci e Nesci – diverse sono state le proposte avanzate dalla Castelli per tirar fuori dalle secche della burocrazia contabile l’organismo provinciale dilaniato da anni di malgoverno e speculazioni politiche. Il viceministro si è dimostrata ferrata sulla conoscenza della situazione vibonese e si è riservata di effettuare approfondimenti in modo da poter definire le azioni più veloci e congrue da attuare. Presto avremo ulteriore riscontro e aggiornamenti. Il tavolo di stamattina – concludono i deputati Tucci e Nesci – giunge a seguito dell’approvazione del nostro ordine del giorno nel decreto Crescita di qualche settimana fa, a riprova della validità di certi atti e in risposta a chi li ha liquidati, fin troppo frettolosamente, come “carta straccia” non conoscendo a fondo forse le prerogative parlamentari».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHELa Camera approva Odg “Salva Vibo”, spiraglio per le casse della Provincia

Odg sulla Provincia, Mangialavori contro i 5 Stelle: «Solo propaganda»

Provincia, passi avanti verso l’approvazione del Bilancio. Ma servirà l’ok del ministero