martedì,Settembre 21 2021

Tropea, nessuna soluzione alla crisi della maggioranza

Dopo le dimissioni di Tropeano nessuno dei consiglieri vuole entrare in un Giunta che potrebbe essere a termine.

I margini per ricucire ormai sono troppo stretti. Anche se il sindaco Giuseppe Rodolico ha respinto le dimissioni del suo vice Domenico Tropeano, la matassa in cui si trova aggrovigliata la maggioranza è lungi dall’essere dipanata.

Domenica si è tenuta una riunione di maggioranza, che pare sia stata interlocutoria, in quanto Tropeano al momento non ha intenzione di recedere di un millimetro. Resta sulle sue posizioni: nessuna marcia indietro. Troppo scottante la delusione dell’atteggiamento del primo cittadino, a cui viene rimproverato di essere «troppo accentratore».

Anche nel Partito democratico le posizioni sono divergenti. Anzi, la “questione Tropeano” potrebbe essere il “casus belli” per mettere in discussione la segreteria di Sandro D’Agostino. E in effetti oltre alla maggioranza anche il circolo locale del Pd appare spaccato.

Ma il problema è un altro, nessuno dei consiglieri che fanno parte della maggioranza vuole entrare in un esecutivo che potrebbe essere a tempo, stante le indagini che sta portando avanti la Commissione d’accesso agli atti e che potrebbero portare allo scioglimento del civico consesso per infiltrazioni mafiose.

top