mercoledì,Giugno 29 2022

Porto di Vibo Marina, il M5S vuole da Occhiuto «interventi immediati»

Davide Tavernise e Riccardo Tucci fanno sapere che una interrogazione è stata presentata al presidente della Giunta per sapere quali iniziative intenda assumere «per sbloccare gli investimenti, dell’ammontare di 18 milioni»

Porto di Vibo Marina, il M5S vuole da Occhiuto «interventi immediati»
Una veduta aerea del porto di Vibo Marina
Riccardo Tucci (M5S)

«Il potenziamento del porto di Vibo Valentia costituisce un passaggio ineludibile per la crescita socioeconomica del territorio e lo sviluppo dell’intera Calabria. Per tale motivo, in Regione, abbiamo appena depositato un’interrogazione rivolta al presidente della Giunta, Roberto Occhiuto, per sapere quali iniziative urgenti e necessarie intenda assumere per sbloccare gli investimenti, dell’ammontare di 18 milioni di euro, destinati alla ristrutturazione delle quattro banchine dello scalo». È quanto fanno sapere il portavoce del Movimento 5 stelle, rispettivamente, in Regione e in Parlamento, Davide Tavernise e Riccardo Tucci che aggiungono: «L’area del porto di Vibo Marina, così come già sottolineato in una sua recente visita dalla sottosegretaria per il Sud e la coesione territoriale Dalila Nesci, è un asset estremamente importante e grazie anche al lavoro del Ministero è stata destinataria di risorse che ora però vanno sbloccate per potenziarne l’attività».

Nell’interrogazione viene, dunque, chiesto «di sapere se le somme impegnate possano essere finalmente utilizzate, velocizzando la stipula della convenzione tra la Regione Calabria e il Ministero delle Infrastrutture così da dare all’Autorità di sistema portuale dei mari Tirreno e Ionio la possibilità di intervenire. Lo scalo vibonese – continuano Davide Tavernise e Riccardo Tucci – necessita di interventi immediati e indifferibili e non può più attendere i tempi biblici della burocrazia né essere imbrigliata da lacci e lacciuoli procedurali. Pertanto, chiediamo che la Regione, attraverso i suoi funzionari e i suoi uffici, dia un’accelerata alla pratica di Vibo, così da mettere nelle condizioni il presidente dell’Autorità portuale Andrea Agostinelli – chiudono i due – di porre in essere quegl’interventi necessari all’agognato rilancio dell’infrastruttura».

Articoli correlati

top