Referendum sulle riforme costituzionali, punti di vista a confronto

È in programma giovedì 5 maggio un incontro-dibattito i cui quattro giovani vibonesi sosterranno le ragioni degli opposti orientamenti rispetto al voto referendario di ottobre. A moderare i lavori il giornalista di LaC, Pietro Comito.

È in programma giovedì 5 maggio un incontro-dibattito i cui quattro giovani vibonesi sosterranno le ragioni degli opposti orientamenti rispetto al voto referendario di ottobre. A moderare i lavori il giornalista di LaC, Pietro Comito.

Informazione pubblicitaria

Si terrà giovedì 5 Maggio, alle ore 17.30, al Sistema Bibliotecario Vibonese, un incontro-dibattito sulle riforme costituzionali in vista dell’appuntamento referendario del prossimo ottobre. A promuovere l’iniziativa quattro giovani vibonesi: Giuseppe Cutrullà (consigliere comunale e laureando in Giurisprudenza) e Francesco Iannello (laureato Scienze politiche) che sosterranno le ragioni del “Si”; Danilo Tucci (laureando in Scienze dell’amministrazione) e Francesco Pacilè (laureando in Giurisprudenza) che, al contrario promuoveranno le motivazioni a sostegno del “No”.

«L’incontro – sostengono gli organizzatori – vuole essere un’occasione per analizzare sia da un punto di vista politico, che da un punto di vista giuridico, quella che il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha definito “la madre di tutte le riforme”. L’iniziativa ha come scopo quello di far conoscere alla cittadinanza i perché del “Si”, e i perché del “No” alla cosiddetta “Legge costituzionale Boschi”.

A moderare l’incontro-dibattito sarà il giornalista di LaC, Pietro Comito.

Riforme costituzionali, nasce a Vibo il “Comitato Pro Sì”