domenica,Dicembre 4 2022

Consigliere regionale supplente, Lo Schiavo: «Regole piegate alle esigenze della maggioranza»

L'esponente di minoranza alla Regionecontro la proposta del centrodestra che porterebbe ad un aumento dei costi: «La musica non è cambiata, si continua con il vecchio modo di fare della politica calabrese»

Consigliere regionale supplente, Lo Schiavo: «Regole piegate alle esigenze della maggioranza»
Il consigliere regionale Antonio Lo Schiavo

«Lunedì in Consiglio regionale saremo chiamati ad esprimerci su una modifica normativa emblematica del vecchio modo di fare della politica calabrese. Un vero e proprio blitz che porterà in aula, senza passare dalle Commissioni e quindi forzando l’iter legislativo, la norma che introduce la figura del consigliere supplente per chi passerà in Giunta dagli scranni di Palazzo Campanella». È quanto afferma, in un comunicato stampa, il consigliere regionale Antonio Lo Schiavo in relazione alla proposta di legge firmata da quasi tutti i capigruppo di maggioranza che prevede l’istituzione della figura del consigliere regionale supplente in Calabria. [Continua in basso]

«Questa volontà di riforma – spiega Lo Schiavo – è evidentemente il frutto del tentativo di chiudere rapidamente il puzzle della Giunta e della necessità politica contingente di far quadrare gli equilibri nella maggioranza, offrendo garanzie ai partiti e ai consiglieri che faranno il loro ingresso nell’Esecutivo e nell’assemblea regionali. Tutto ciò, in prima istanza, comporterà evidentemente un aumento di costi, con il raddoppio delle indennità e l’aumento delle strutture che verranno a crearsi ex novo con l’ingresso dei consiglieri supplenti. Sul piano tecnico-normativo, poi, si andrebbero a piegare le regole istituzionali e il principio della rappresentanza ad un’esigenza contingente, cambiando le regole del gioco per necessità politiche: questo un legislatore serio non può permetterselo. A mio avviso, se proprio si vuol sancire un’incompatibilità tra i ruoli di consigliere e assessore, allora si dovrebbe adottare il modello dei Comuni: il consigliere che diviene assessore si dimetta dal Consiglio e si eviti così di istituire la figura del supplente che, evidentemente, sarebbe sempre e comunque vincolato alla linea del presidente. Quest’ultimo infatti, in qualunque momento, potrebbe farlo decadere revocando le deleghe all’assessore supplito. Altro che “la Calabria che non ti aspetti”, come recitava lo slogan elettorale del presidente Occhiuto. Questo blitz dimostra come la musica non sia affatto cambiata e come, al contrario, lo spartito sia sempre identico a quello eseguito nelle ultime legislature».  

Articoli correlati

top