Piserà: «Basta con gli sbarchi di migranti nel Vibonese»

Il referente vibonese di “Noi con Salvini” lancia l’allarme sicurezza. Del problema investiti i parlamentari della Lega Nord

Il referente vibonese di “Noi con Salvini” lancia l’allarme sicurezza. Del problema investiti i parlamentari della Lega Nord

Informazione pubblicitaria

«Lo sbarco di 800 migranti al Porto di Vibo Marina? Una vera e propria emergenza per la sicurezza della provincia di Vibo Valentia».
L’allarme è lanciato dal referente locale del movimento “Noi con Salvini” Antonio Piserà. Il ragionamento dell’esponente salviniano va oltre: «L’elevato numero di persone sbarcate e la carenza di risorse umane di cui soffre la Questura di Vibo Valentia, fanno diventare una vera e propria emergenza per la sicurezza per l’intera provincia di Vibo Valentia. In un territorio come il nostro – ha aggiunto – ad alta densità mafiosa, sottrarre le forze dell’ordine al loro compito primario di prevenzione e lotta al crimine è una situazione inaccettabile».

Ha quindi annunciato: «Tramite la nostra segreteria regionale di “Noi Con Salvini”, interesseremo i nostri parlamentari per capire perché ci si ostini a far sbarcare nel porto di Vibo Marina, nonostante la scarsità di agenti in Questura di Vibo Valentia; quale misure sostitutive sono state intraprese durante la chiusura del Commissariato di Serra e del Posto fisso di Polizia di Tropea, sapere quante risorse vengono sottratte alla tutela e prevenzione dell’ordine pubblico sul territorio e soprattutto come mai non viene garantito agli agenti il giusto ristoro, la dignità degli agenti può essere sacrificata mai».