Sbarchi, Noi con Salvini: «Nel Vibonese servono più forze dell’ordine»

La richiesta in un’interrogazione parlamentare presentata dalla versione meridionale della Lega Nord  su impulso del referente provinciale Antonio Piserà

La richiesta in un’interrogazione parlamentare presentata dalla versione meridionale della Lega Nord  su impulso del referente provinciale Antonio Piserà

Informazione pubblicitaria

«Più forze dell’ordine per gestire il sempre crescente numero di migranti che sbarcano nel Vibonese». La richiesta giunge dal movimento “Noi con Salvini” al termine di un incontro tra il coordinatore regionale Domenico Furgiuele, il referente provinciale Antonio Piserà e il segretario nazionale del sindacato Autonomo di Polizia, Gianni Tonelli. Il confronto ha permesso di analizzare dettagliatamente il tema della sicurezza del territorio provinciale, notoriamente ad alto rischio malavitoso, in merito anche al fondamentale ruolo degli operatori delle forze di polizia a proposito del quale lo stesso Tonelli ha messo in evidenza le gravi insufficienze numeriche. Tale sofferenza si è manifestata durante l’ultimo sbarco al porto di Vibo Valentia di circa 800 immigrati.

«Il buonismo strabico – ha detto Piserà – mostra la situazione sbarchi solo da parte dei clandestini, ma non interroga mai a quali enormi sforzi sono sottoposti gli agenti e non induce a valutare con debita attenzione la chiusura di interi settori della Questura e del Commissariato di Serra e del Posto fisso di Polizia di Tropea, zone turistiche con presenze elevate rispetto al periodo invernale».

Partendo da queste considerazioni, è stata elaborata una corposa interrogazione parlamentare per la quale ci si è avvalsi anche del prezioso contributo del senatore Raffaele Volpi, vice presidente di “Noi con Salvini”. Nel documento viene chiesto quanto segue: «Il ministro dell’Interno è a conoscenza del fatto che all’ufficio immigrazione di Vibo Valentia lavorino solo un funzionario e 6 poliziotti? Che le operazioni si svolgono all’interno di capannoni che sotto il sole cocente assumano temperature insostenibili ed insopportabili? Il ministro dell’Interno intende evitare gli sbarchi a Vibo Marina, viste le carenze di personale della Questura di Vibo Valentia e dei capannoni inidonei agli sbarchi? Intende potenziare il Commissariato di Serra San Bruno e il Posto Fisso di Tropea?».