Piano di riequilibrio, Limardo: «La sostenibilità dipenderà dall’efficienza degli uffici» – Video

Presentato a sindacati, ordini professionali e Confcommercio la procedura contabile che punta a rimettere in sesto le casse del Comune di Vibo nell’arco di 15 anni

Presentato a sindacati, ordini professionali e Confcommercio la procedura contabile che punta a rimettere in sesto le casse del Comune di Vibo nell’arco di 15 anni

Informazione pubblicitaria
L'assessore Nardo e il sindaco Limardo
Maria Teresa Nardo e Maria Limardo
Informazione pubblicitaria

Una massa debitoria di 13milioni di euro e un rischio contenzioso per 6 milioni: il Comune di Vibo Valentia potrebbe andare incontro ad un secondo dissesto finanziario e l’Amministrazione Limardo vara un Piano di riequilibrio “lacrime e sangue”. Il documento con cui si tenta di non ripetere la brutta pagina del 2012 è stato illustrato alle parti sociali, nell’ambito del nuovo metodo partecipativo voluto dalla compagine che guida Palazzo Luigi Razza. Il primo cittadino, assieme all’assessore al ramo Maria Teresa Nardo e al vicesindaco Domenico Primerano, ha incontrato i rappresentanti di Cgil e Cisl, dell’Ordine dei medici e di quello degli Ingegneri, nonché Confcommercio. Venerdì si replica con le associazioni di cittadinanza attiva, in vista del consiglio comunale convocato nella prossima settimana per l’approvazione finale del Piano. Non un atto a scatola chiusa, quindi, e il confronto è stata l’occasione per conoscere le linee guida di un documento che, «per essere sostenibile – affermano gli amministratori – deve avvalersi di una riorganizzazione degli uffici e di una lotta più severa contro l’evasione». L’assessore Nardo ha definito da “pre-dissesto” la situazione attuale, giustificando la necessità del riequilibrio anche con la constatazione che in passato alcune partite debitorie erano state aggiunge al Bilancio, sganciandole dalla gestione dell’organismo del commissariamento. Rispetto al rischio di andare incontro a nuove censure, il sindaco ha dichiarato che «molto dipenderà dalla sostenibilità del Piano che valuteremo nei prossimi mesi».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEPiano di riequilibrio, all’orizzonte dei vibonesi altri quindici anni di rigore

Piano di riequilibrio a Vibo, Lo Schiavo: «Inapplicabile, serve intervento parlamentare»

Comune Vibo, la Giunta approva il Piano di riequilibrio

Vibo, Policaro incalza la Nardo: «Da consulente consigliò altro, ora ha cambiato idea?»