Asilo nido comunale: tutto pronto, si parte a settembre

L’annuncio da parte dell’assessore alle Politiche sociali Lorenza Scrugli che rende note anche le tariffe per fasce reddituali e le esenzioni dalla retta per le famiglie a basso reddito

L’annuncio da parte dell’assessore alle Politiche sociali Lorenza Scrugli che rende note anche le tariffe per fasce reddituali e le esenzioni dalla retta per le famiglie a basso reddito

Informazione pubblicitaria

Partirà regolarmente ad inizio anno scolastico l’attività dell’asilo nido comunale di Vibo Valentia, recentemente ristrutturato dall’Amministrazione con fondi Pac (Piani di Azione e Coesione).

A comunicarlo è l’Assessore alle Politiche Sociali Lorenza Scrugli che ha sottolineato «la volontà dell’Amministrazione comunale di mantenere l’asilo nido quale importante strumento di aiuto per le famiglie con bimbi dai tre mesi ai tre anni ma soprattutto per la sua valenza educativa e la cura della prima infanzia».

I lavori di ristrutturazione, si apprende dalla stessa nota, saranno consegnati entro il mese di agosto «consentendoci quindi – continua Scrugli – di avere una struttura nuova moderna e più efficiente e regalando l’opportunità ai bambini di trascorrere alcune ore della giornata in uno splendido ambiente ricco di nuovi stimoli».

Per l’assessore la possibilità offerta dai fondi Pac «non si ferma qui. Di concerto e di comune accordo con i sindaci degli altri Comuni del Distretto, grazie agli stessi fondi recuperati dall’assessorato, per quest’anno, e per la prima volta, sarà possibile offrire in maniera completamente gratuita l’accesso al nido a quelle famiglie il cui reddito non superi i 12.000 euro. È un’opportunità importantissima e di cui sono estremamente fiera» continua l’assessore, sottolineando la possibilità che «le domande potranno pervenire da tutti i comuni del Distretto in cui non sia presente l’asilo nido».

Le tariffe, aggiunge, «sono state rese più agevoli anche per altre fasce di reddito».

La retta mensile prevede infatti

– 80,00 euro per i redditi da 12.000 a 18.000 euro;

– 100,00 euro per i redditi da 18.000 a 24.000 euro

– resta invariata a 129,00 euro mensili per i redditi superiori a 24.000 euro.

L’iscrizione al nido può essere effettuata anche nel corso dei prossimi giorni, ferma restando la disponibilità di posti. Gli Utenti che intendono iscrivere i propri figli all’Asilo ed usufruire dei benefici suindicati – fa sapere infine l’assessorato – dovranno presentare domanda al Comune, utilizzando apposito modulo pubblicato sul sito internet dell’Ente allegando il modello ISEE. Il modello di domanda può essere ritirato anche presso l’ufficio dei Servizi Sociali.