Gli europeisti vibonesi a Ventotene

Mariasophia Falcone e Daniele Armellino dell’Mfe si trovano sull’isola dove nacque l’idea dell’Europa unita immaginata da Altiero Spinelli

Mariasophia Falcone e Daniele Armellino dell’Mfe si trovano sull’isola dove nacque l’idea dell’Europa unita immaginata da Altiero Spinelli

Informazione pubblicitaria
L'isola di Ventotene

È proprio sull’isola di Ventotene che l’idea di un’Europa unita ha preso piede, con il Manifesto scritto da Ernesto Rossi e Altiero Spinelli, con il contributo di altri personaggi come Ursula Hirschmann ed Eugenio Colorni.

Fino al primo settembre, sull’isola si terrà un seminario internazionale dal titolo «Il Federalismo in Europa e nel Mondo», e tra i centocinquanta giovani selezionati a partecipare al seminario vi sono anche due giovani vibonesi: Mariasophia Falcone e Daniele Armellino. I due, provenienti dalla sezione vibonese del Movimento federalista europeo e della Gioventù federalista europea, trascorreranno i prossimi giorni ad approfondire da un punto di vista politico, storico, economico e sociologico i temi dell’integrazione europea.

L’iniziativa, organizzata dall’Istituto di studi federalisti Altiero Spinelli, in collaborazione con la Regione Lazio, la Provincia di Latina, il Comune di Ventotene, il Movimento federalista europeo, il Movimento europeo in Italia e l’Ente nazionale canossiano, è nato nel lontano 1982 su proposta di Altiero Spinelli che in quell’isola scrisse con Ernesto Rossi il famoso Manifesto di Ventotene. Diventato uno dei più importanti momenti di riflessione sul futuro dell’Europa e del mondo, il seminario raduna anche quest’anno circa centocinquanta giovani provenienti da tutti i paesi europei, più di trenta relatori internazionali, esponenti della società civile e rappresentati delle istituzioni nazionali ed europee.