«La federazione tra Vibo Popolare e Vibo Unica non si farà»

La smentita arriva direttamente dai consiglieri Franzè e Polistina che, insieme all’assessore Scuticchio, l’hanno manifestata direttamente al sindaco Costa cui è stata ribadita piena fiducia

La smentita arriva direttamente dai consiglieri Franzè e Polistina che, insieme all’assessore Scuticchio, l’hanno manifestata direttamente al sindaco Costa cui è stata ribadita piena fiducia

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

I componenti del gruppo “Per Vibo Valentia Popolare con Costa”, Gregorio Polistina (capogruppo) e Katia Franzè (vice capogruppo nonché presidente della IV commissione consiliare), e l’assessore di riferimento del gruppo, Antonio Scuticchio, hanno incontrato oggi il sindaco della città, Elio Costa.

Informazione pubblicitaria

L’incontro, spiegano i componenti del gruppo in quota Ncd, «è stato richiesto dal gruppo stesso in seguito ad indiscrezioni giornalistiche trapelate nei giorni scorsi, nelle quali si paventava una riunione di partito nella quale discutere, avviare e siglare la costituzione di una “federazione” con altro gruppo consiliare» nella fattispecie quello di “Vibo Unica” di Stefano Luciano.

Vibo Unica fa “campagna acquisti” ma l’assessore è all’oscuro di tutto

Nel premettere che «la linea del gruppo Per Vibo Valentia Popolare con Costa è stata sempre quella di reputare superflua la costituzione di federazioni tra gruppi consiliari di maggioranza, i quali sono già alleati e collaborano proficuamente fra di loro nell’attuazione del programma amministrativo», i consiglieri Polistina e Franzè hanno reso noto al sindaco di voler continuare a «portare il nome ed il simbolo con i quali si sono candidati e sono stati eletti. Ciò allo scopo di confermare la validità di quel progetto civico sul quale è stata costruita la vittoria elettorale del 2015, e che ha come logico presupposto un passo indietro da parte dei partiti tradizionali, di modo che i cangianti scenari politici non interferiscano con il già difficile compito di governare una Città in socialmente in crisi e un municipio in dissesto finanziario».

L’ANALISI | Viale del Tramonto, citofonare Bruni

Gli stessi ribadiscono pertanto la validità di «un progetto civico preso a modello (vincente), nel 2016 dagli attuali sindaci di altri Comuni. Il gruppo ha infine auspicato continuità e stabilità amministrativa, senza la quale sarà difficile poter raggiungere gli obiettivi previsti, ed ha ovviamente ribadito sia la propria fiducia al sindaco Costa sia la volontà di voler continuare a dialogare lavorare in armonia con tutte le forze della maggioranza».

LA REPLICA | Bruni: «Alle pantofole ho sempre preferito le scarpe da calcio»