Parte da Tropea la proposta di legge sullo scioglimento per mafia dei Comuni – VIDEO

La parlamentare pentastellata Dalila Nesci ha invocato norme più severe rimarcando la necessità di «abbattere la cultura di dipendenza dal potere e la propensione all’opportunismo»

La parlamentare pentastellata Dalila Nesci ha invocato norme più severe rimarcando la necessità di «abbattere la cultura di dipendenza dal potere e la propensione all’opportunismo»

Informazione pubblicitaria
Dalila Nesci
Informazione pubblicitaria

Dalila Nesci, esponente del Movimento 5 stelle, ha presentato nella sala consiliare del Comune di Tropea la proposta di legge sullo scioglimento degli enti per infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso, sottoscritta con i deputati 5 Stelle Nuti, Cozzolino, Di Benedetto, Di Vita, Lombardi, Mannino e Toninelli.

Informazione pubblicitaria

Nell’ambito dell’incontro “Estirpare la ‘ndrangheta e coltivare la bellezza”, la parlamentare ha espresso il bisogno di ripartire da Tropea, per cambiare la Calabria «dominata da una cultura della dipendenza dal potere e da una diffusa propensione all’opportunismo, le quali favoriscono le infiltrazioni mafiose nell’amministrazione pubblica. La politica ha un ruolo fondamentale, dovendo ristabilire la normalità, cioè l’utilizzo delle risorse comuni per l’interesse generale».

Scioglimento del consiglio comunale di Tropea: ecco le motivazioni

E, ancora, ha precisato: «Tuttavia la politica da sola non può bastare. I cittadini devono essere protagonisti di un cambiamento possibile e necessario, controllando le scelte del potere pubblico e valutandole sulla base dell’utilità per tutti, non per pochi. Tropea ha subito la vergogna dello scioglimento, che nuoce alla sua immagine. Devono risponderne i governanti e quella parte di elettori che li ha sostenuti per spirito di affarismo o familismo. Va pure evidenziata la provenienza dalle professioni sanitarie di larga parte degli amministratori pubblici calabresi, il che, nella grave inadeguatezza del servizio sanitario regionale, privo di personale, fondi e mezzi, condiziona l’esito del voto. Anche su questo bisognerà intervenire con apposita legge».

Nesci: «Nella giunta comunale di Tropea cellule della mafia»

In seno all’incontro, la Nesci è entrata nel merito della proposta di legge che contiene norme che rendono effettiva l’incandidabilità dei soggetti coinvolti nello scioglimento; istituisce un organo consultivo di cittadini nella fase del commissariamento degli enti; stabilisce la pubblicità della relazione prefettizia anche in caso di non scioglimento; introduce un elenco di funzionari esperti da reclutare nella commissione straordinaria. Allo stesso tempo, si prevedono norme più severe per i dipendenti pubblici responsabili delle infiltrazioni e la concessione di incentivi economico-finanziari per migliorare le condizioni dell’ente sciolto e facilitare l’attività̀ della commissione.