Gruppi consiliari, “La città che vorrei” plaude alla scelta di Polistina e Franzè

Per il capogruppo Giuseppe Policaro "hanno tenuto fede al programma civico votato dai cittadini prescindendo da simboli e partiti"

Per il capogruppo Giuseppe Policaro "hanno tenuto fede al programma civico votato dai cittadini prescindendo da simboli e partiti"

Informazione pubblicitaria
Giuseppe Policaro (La città che vorrei)
Informazione pubblicitaria

Il capogruppo della compagine civica del consiglio comunale di Vibo Valentia “La città che vorrei” (lista di riferimento del sindaco Elio Costa in campagna elettorale), Giuseppe Policaro, ha espresso in un comunicato stampa «Pieno apprezzamento per la dichiarazione pubblicamente resa dai consiglieri Polistina e Franzé, nonché dall’assessore Scuticchio del gruppo “Per Vibo Popolare”».

Informazione pubblicitaria

«La federazione tra Vibo Popolare e Vibo Unica non si farà»

Il riferimento è all’ipotesi di federazione tra quest’ultimo gruppo, espressione civica del partito Ncd, guidato in provincia dall’ex consigliere regionale Alfonso Grillo, con il gruppo “Vibo Unica” che fa invece riferimento al presidente del consiglio comunale Stefano Luciano, che ha incassato nei giorni scorsi l’adesione di due consiglieri fuoriusciti dal gruppo “Alleanza per Vibo“, che è invece espressione civica dell’Udc.

Vibo Unica fa “campagna acquisti” ma l’assessore è all’oscuro di tutto

«La riconferma apertamente palesata del loro pieno convincimento a proseguire il cammino amministrativo improntando qualsiasi azione alla sola necessità di fronteggiare nel miglior modo lo stato di crisi in cui oggi riversa la città – aggiunge Policaro -, conferma il logico presupposto su cui si fonda la coalizione civica ispirata dal Sindaco Costa. La possibilità di poter proseguire verso una spedita realizzazione del programma civico, vincente per volontà dei cittadini, postula la necessaria coerenza rispetto all’impegno assunto ed il lavoro sinergico degli uomini e delle donne che oggi compongono la maggioranza ed a cui è stato popolarmente demandato tale compito prescindendo dall’appartenenza a simboli ed a pure logiche di partito».

“Transumanze” in Consiglio, Bruni difende Console e attacca: «Qui ognuno fa come vuole»

A loro, ancora secondo Policaro, va dunque riconosciuto il «continuo e concreto impegno in tale direzione, quotidianamente profuso nelle commissioni e sul territorio insieme a noi ed accanto al sindaco Costa ed anche un plauso per avere pubblicamente chiarito il senso del loro mandato in piena armonia col programma elettorale, con l’impegno preso con gli elettori ed in sinergia con tutte le forze che concretamente e fattivamente sostengono in tale direzione l’azione del Sindaco della città».